Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Martedì, 22 Settembre 2020

Coronavirus: Tallini, la Rai trascura la buona sanità calabrese

"E' davvero imperdonabile la mancanza di attenzione del Tg1 verso la Calabria. Nell'edizione di ieri sera,

19 aprile, e' stato mandato in onda un servizio da Palermo per raccontare la storia di un paziente bergamasco ricoverato in quell'ospedale e guarito grazie alle cure dei sanitari siciliani. Non un cenno, ne' tantomeno un servizio per raccontare la bella pagina di sanita' calabrese, con i due pazienti lombardi, uno di Bergamo e l'altro di Cremona, ricoverati nella terapia d'urgenza dell'ospedale "Pugliese" di Catanzaro e guariti grazie all'assistenza medica e al calore umano degli operatori sanitari calabresi". Lo afferma, in una nota, il presidente del Consiglio regionale, Domenico Tallini. "Nulla da togliere ovviamente - precisa - alla bella storia di Palermo, ma come e' possibile che il Tg1 abbia trascurato una storia ancora piu' bella, quella di Catanzaro. Le dimissioni dei due pazienti lombardi e' stato un momento veramente commovente e intenso di questa battaglia che stiamo conducendo contro l'epidemia. Io credo che i medici, gli infermieri, gli operatori socio sanitari del "Pugliese" meritassero questo riconoscimento da parte del Telegiornale principale del servizio pubblico. E' stata una pagina bellissima non solo perche' l'ospedale di Catanzaro ha salvato due vite - prosegue Tallini - ma anche perche' ha trasmesso un'immagine di solidarieta' nazionale, di un sud spesso dimenticato che e' pero' capace di grandi cose. Il ringraziamento dei due pazienti lombardi e il loro desiderio di tornare in Calabria per le vacanze resteranno scolpiti nella nostra memoria. La mia - conclude - non e' una protesta, ma solo un'amara considerazione che spero venga recepita dai vertici della RAI e dal direttore del Tg1 Giuseppe Carboni, al quale mi permettero' di fare pervenire questa dolente nota".