Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Giovedì, 03 Dicembre 2020

A Palazzo Campanella evento sulle minoranza linguistiche in Calabria

Lingue perdute, lingue “mozzate”, lingue da salvare. Ogni 14 giorni – secondo un allarme lanciato dagli studiosi del settore – uno dei linguaggi nel mondo “in pericolo di vita” di fatto si estingue. 

Come preservare e proteggere le lingue in minacciate dall’oblio? Dedicato al tema “La tutela delle Minoranze linguistiche calabresi a vent’anni dall’approvazione della legge 482”, si terrà dopodomani, venerdì 20 dicembre, nell’Auditorium “Nicola Calipari” di Palazzo Campanella a Reggio Calabria, un articolato evento che ha anche l’obiettivo di trarre un bilancio sull’esperienza ventennale di salvaguardia e valorizzazione delle minoranze presenti nella nostra regione.

Arbëreshë, grecanico, occitanico, rappresentano un patrimonio linguistico e culturale di enorme valore. Il Guardiolo è una lingua occitana parlata in diverse regioni della Francia, in alcune aree dell’Italia settentrionale e anche in Calabria, a Guardia Piemontese (CS): segnalata dall’Unesco tra le 14 lingue del mondo in pericolo: “Drasticamente a Rischio”.

I linguaggi con il tempo – sostiene l’agenzia culturale e scientifica delle Nazioni Unite – diventano esposti al rischio d’estinzione, nel momento in cui si comincia ad usarne altre che hanno un maggior potere economico e politico.

Il programma dell’iniziativa di venerdì (che avrà inizio alle ore 10:00 nell’auditorium della sede dell’Assemblea regionale) prevede la proiezione del film Arbëria (regia di Francesca Olivieri, produzione “Open fields”) e un confronto pubblico sull’opera con Nicola Rovito, regista e produttore.

Poi il tema dell’evento, che si svolge in collaborazione col Corecom, sarà al centro di un dibattito che vedrà impegnati: Maria Concetta Cacciola, Dottore di Ricerca in Linguistica Storica e Italiana all’Università La Sapienza di Roma; Damiano Guagliardi, Presidente della FAA - Federazione associazioni arbëreshë; Paolo Martino, docente di Glottologia e linguistica generale Università LUMSA Roma e Carlo  Pisano, componente Co.re.mi.l. - minoranza occitana.

Sui due decenni di esperienza calabrese della Legge 482, Palazzo Campanella ha già ospitato – il 2 dicembre u.s. –   la proiezione del docufilm Kalavrìa e, sempre nel quadro della valorizzazione delle minoranze linguistiche presenti in Calabria, in Consiglio regionale è in via di realizzazione una sezione specialistica di documentazione e approfondimento del Polo Culturale “Mattia Preti”.