Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Martedì, 28 Settembre 2021

Nina Moric e Antongiulio Grande: patto d’arte!

Nina Moric by Antongiulio Grande, questo dovrebbe essere, anche se ancora work in progress, il nome del nuovo brand targato da una delle più famose modelle, di origine Croata, e dalla mente eccellente e creativa, tutta calabrese, Di Antongiulio Grande. Nina Moric by Antongiulio Grande, questo dovrebbe essere, anche se ancora work in progress, il nome del nuovo brand targato da una delle più famose modelle, di origine Croata, e dalla mente eccellente e creativa, tutta calabrese, Di Antongiulio Grande. Il noto stilista ha scelto proprio il cuore della natìa terra per presentare questo importante sodalizio creativo.

Nina Moric con il noto stilista Antongiulio Grande


Un unione di stile, ma prima ancora un unione umana, che lega i due da un’amicizia ultradecennale. L’arrivo di Nina Moric a Lamezia Terme, ha catturato l’attenzione dei media ad incominciare dalla  nota trasmissione di Rai Uno “La vita in diretta”. Una donna che deve mostrare la sua femminilità seppur con una taglia 50, questo l’intento della nuova collezione. Una nuova linea di creazioni che da un lato rispecchierà l’incisività e la personalità del tratto artistico dello stilista calabrese, ormai apprezzato a livello mondiale, dall’altro incrocerà la freschezza, l’entusiasmo e l’intraprendenza della Moric.  Un’avventura esaltante come l’hanno definita i protagonisti che in una conferenza stampa hanno illuminato i presenti su un prèt a couture destinato ad imporsi sul mercato della moda.  Nel 1997 quando Nina era una modella esordiente lo stilista Antongiulio Grande la notò alle sfilate di haute couture a Parigi, dove lei bellissima sfilava per Gianni Versace, scomparso anni fa in modo tragico e grande amico comune.

Nina Moric


La nuova collezione del duo Moric – Grande sarà rivolta ad una donna giovane e dinamica non sempre esile ma con la voglia di apparire bella e glamour con costi accessibili. La nuova collezione terrà conto dunque, anche delle donne che non sono fisicamente delle modelle, donne che vogliono essere pronte ad affrontare la quotidianità in maniera decisa, forte ed indipendente. Una donna abituata a viaggiare e che con grande praticità avrà la possibilità di mettere in valigia dei pezzi interscambiabili, da abbinare anche ad altre creazioni stilistiche. Nina Moric sarà la Fashion Designer mentre Antongiulio Grande  il Director Designer. La sede legale sarà a Milano, ma mostrerà tutto il meglio di quella calabresità  tanto decantata dallo stilista lametino. I pezzi infatti più preziosi saranno realizzati a mano nel laboratorio lametino di Antongiulio Grande,  dalle ricamatrici e collaboratrici che lavorano nel suo atelier.

Il presidente della provincia di Catanzaro Wanda Ferro con lo stilista Antongiulio Grande


La produzione di carattere più industriale verrà invece affidata ad aziende che operano in Piemonte e Veneto, e comunque solo e sempre made in Italy. La collezione avrà due linee, una basic ed un’altra con un carattere più forte che mira ad “aggredire” anche il ricco ed esigente mercato asiatico, dove gli abiti dell’eclettico creativo lametino con un gusto raffinato che gli è proprio, sono molto in voga. I colori  seguiranno le tendenze attuali, saranno colori forti, mediterranei, dal rosso, nelle sue varie sfumature, al bluette in contrasto con il black tanto amato da Nina Moric.  La collezione inizialmente sarà rivolta solo al mondo femminile, ma sicuramente se otterrà il successo previsto volgerà il suo sguardo anche al mondo maschile, senza orpelli e sofismi stilistici. Antongiulio Grande è una persona speciale, in tanti lo hanno sottolineato, non soltanto per la sua professionalità ma soprattutto per la sua umanità, ed ancor più per il fatto che non si limita a mantenere salde le radici affettive con la sua terra feconda, ma la rende partecipe giorno dopo giorno, creazione dopo creazione, del suo successo.