Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Martedì, 30 Novembre 2021

Il vescovo emerito di Reggio Calabria Morosini al New York Times: "Sospendere la figura dei padrini"

Il quotidiano americano dedica ampio spazio alla questione sollevata già nel 2014 da Padre Morosini, arcivescovo emerito di Reggio Calabria. 

Il New York Times si concentra sulle parole di Giuseppe Morosini, attraverso un' intervista di Jason Horowitz, il quale ha approfondito la decisione della diocesi di Catania di sospendere per tre anni i padrini per i sacramenti del battesimo e della cresima.

La scelta della Chiesa etnea ripercorre la strada di Morosini che già nel 2014 sollevò la questione a Papa Francesco, ponendo il problema della scelta dei padrini in contesti in cui è forte la presenza della criminalità organizzata, e dunque, dovuta troppo spesso legata a interessi ben lontani dalla religione. In un articolo dettagliato, con tanto di fotoreportage direttamente dalla Sicilia - come riporta esaustivamente  il giornale Avvenire  - Horowitz ha passato in rassegna tutti i pro e i contro di questa decisione che Oltreoceano è apparsa significativa. Seppur con un riduzionismo giornalistico estremo, infatti, il New York Times titola l'approfondimento con «In the Land of the Godfather Comes a Ban on Them». Che tradotto in italiano suona più o meno così: «Nella terra dei padrini, adesso questi sono vietati».

Il giornalista del New York Times, poi, svela un retroscena. Cioè un confronto sul tema tra l’arcivescovo Morosini e il cardinale Becciu. Secondo il Nyt sarebbe stato proprio Becciu a “frenare” l’idea di Morosini. «Il cardinale Becciu ha risposto che tutti i vescovi calabresi dovevano essere d’accordo prima di andare avanti. Non l’hanno fatto», si legge nell’intervista. «Ma sulla questione - riporta Avvenire - l’attenzione di papa Francesco è rimasta sempre immutata».