Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Venerdì, 22 Ottobre 2021

Premiazione dei vincitori del concorso “Gonfia la rete, vinci sul web” per un uso consapevole della Rete

Promuovere un utilizzo consapevole del Web - e dei social media, in particolare; contrastare Hate speech (linguaggio d’odio) ed imparare a riconoscere la disinformazione (Fake news) per fronteggiare le molteplici insidie della rete e prevenire fenomeni odiosi, come il Cyber bullismo (bullismo su internet), che arrecano perniciose conseguenze, anche sul piano psicologico, a tanti bambini e adolescenti. 

Queste le parole che hanno accompagnato la cerimonia di premiazione a Palazzo Campanella dei vincitori del Concorso “GONFIA LA RETE, VINCI SUL WEB”, promosso dal Consiglio regionale e dal Co.re.com. della Calabria, con l’Ufficio del Garante per l’infanzia e l’adolescenza.

Nonostante le difficoltà contingenti legate alla pandemia, è stata soddisfacente la partecipazione alla competizione che, quest’anno, è alla prima edizione ma con lo sguardo già proiettato verso il futuro.

Selezionate da una Commissione formata dal rettore dell’Università Mediterranea, Santo Marcello Zimbone, dal giornalista Mario Meliadò e dalla professoressa Marisa Maesano, le opere vincitrici premiate sono:

 - CORPO DISINTEGRATO, realizzata da Patrizia Martelossi dell’Accademia delle Belle Arti di Brera - Milano;

https://www.youtube.com/watch?v=1gMAI6g5NjU&list=PLYxIoTPf6aGfBGB2tMREaKzFkmuFhtaMp&index=3&t=56s

- IL BULLISMO, realizzata da Mario Dardano dell’Istituto di Sellia Marina (CZ)- Plesso Uria;

https://www.youtube.com/watch?v=EA1aW0rqWw8&list=PLYxIoTPf6aGfBGB2tMREaKzFkmuFhtaMp&index=1

-  DISTANZIAMOCI DAL BULLO, realizzata dalle classi 3^ E e 3^ D dell’Istituto comprensivo “Telesio Montalbetti” di Reggio Calabria.

https://www.youtube.com/watch?v=4XqSMn5vzac&list=PLYxIoTPf6aGfBGB2tMREaKzFkmuFhtaMp&index=2

Nel corso della cerimonia a Reggio Calabria è stata ribadita l’importanza che le Istituzioni pubbliche, come il Consiglio regionale e il Co.re.com., si facciano promotrici di iniziative tese al coinvolgimento dei giovani su temi d’interesse e su problematiche rispetto a cui occorre sviluppare gli ‘anticorpi’ della conoscenza e della consapevolezza, strumenti vincenti per fronteggiare rischi e pericoli attuali.

Di certo, l’innovazione tecnologica oggi è galoppante. Mai, però, demonizzarla: tutto dipende sempre da come ogni strumento viene usato e da come i processi di cambiamento vengono governati ed accompagnati. Cautela e precauzione devono essere la nostra bussola. In gioco - questione di non poco conto - c’è anche la salvaguardia della democrazia (rispetto a campagne di disinformazione dove i social veicolano post-verità e fake news). La profilazione degli utenti che fotografa e ‘scheda’ scelte, gusti e preferenze, rischia di condizionare ed orientare la libertà di determinazione individuale. Questi e tanti altri gli spunti di significativo interesse emersi nel corso della manifestazione.

All’evento - che si è svolto in diretta streaming sulla pagina facebook “Gonfialaretevincisulweb” - (per consentire di assistervi da remoto), ha portato i saluti del presidente del Consiglio regionale Giovanni Arruzzolo, il suo vice capo di Gabinetto Milo Nucera.

Dopo l'introduzione del referente del progetto, Nino Mallamaci, sono intervenuti la Commissaria dell'Agcom, Elisa Giomi, la segretaria generale di Palazzo Campanella, Maria Stefania Lauria, la dirigente dell'Agcom, Ivana Nasti, il Rettore dell'Università Mediterranea e presidente della Commissione giudicatrice, Santo Marcello Zimbone, i vincitori del concorso, il dirigente del Settore Provveditorato, Maurizio Priolo.

Ha concluso la cerimonia il direttore del Co.re.com. e coordinatore del progetto, Rosario Carnevale.