Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Domenica, 19 Settembre 2021

Nicolò: “Riaprire al più presto il reparto di Ostetricia di Polistena”

“L’immediata revoca della disposizione con la quale il direttore sanitario dell’Asp di Reggio Calabria stabilisce il blocco dei ricoveri del reparto di Pediatria con conseguente disattivazione del reparto (gemello) di ostetricia dell’ospedale di Polistena” è la richiesta del capogruppo di “L’immediata revoca della disposizione con la quale il direttore sanitario dell’Asp di Reggio Calabria stabilisce il blocco dei ricoveri del reparto di Pediatria con conseguente disattivazione del reparto (gemello) di ostetricia dell’ospedale di Polistena” è la richiesta del capogruppo di Forza Italia alla Regione Alessandro Nicolò, per la quale “urge che, nel giro di poche ore e non certo di giorni, venga ripristinata la piena funzionalità del servizio.Alessandro nicolò E’ inaccettabile – aggiunge Nicolò - che per grave carenza di risorse umane, proprio nel momento in cui si attendono qualcosa come 600 assunzioni nella sanità calabrese, si arrivi a chiudere reparti, di assoluto riferimento per la collettività, tra l’altro unico punto nascite pubblico nella Piana di Gioia Tauro, e che il solo primario dott. Minasi, sia l’unico medico a presiedere il reparto di Pediatria. Una situazione inaccettabile, che segna un clamoroso e pesante passo indietro della sanità calabrese e reggina, ledendo il diritto alla salute dei cittadini ed anche la dignità di un territorio, che storicamente è continuamente provato da carenze di personale e adesso subiscel’ultima beffa per la quale i cittadini-utenti saranno costretti a rivolgersi alle altre strutture ospedaliere”, conclude Nicolò, annunciando “di tenere alta l’attenzione su una vicenda che ha del paradossale”.