Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Giovedì, 06 Maggio 2021

Dall’emozione del podio olimpico all’abbraccio della sua Calabria

Arianna Errigo e' tornata a Condofuri. Ad agosto, come ogni anno, la schermitrice azzurra si trasferisce con la famiglia dalla Brianza al Basso Jonio Reggino, nel paese che ha dato i natali a mamma Pina. La tradizione delle ferie in Arianna Errigo e' tornata a Condofuri. Ad agosto, come ogni anno, la schermitrice azzurra si trasferisce con la famiglia dalla Brianza al Basso Jonio Reggino, nel paese che ha dato i natali a mamma Pina. La tradizione delle ferie in Calabria non e' cambiata nemmeno nell'anno delle medaglie conquistate a Londra 2012 da componente e magnifica protagonista del favoloso dream team del fioretto femminile.

Arianna si e' dovuta "accontentare" della medaglia d'argento nella gara individuale, superata alla stoccata di spareggio dall'amica e rivale Elisa Di Francisca, ma nella gara a squadre con le sue compagne ha assaporato il gusto dell'oro. Al rientro dall'Olimpiade che l'ha consacrata a livello planetario, Arianna ha avuto giusto il tempo di raggiungere la casa di Muggio', in provincia di Monza, dove vive con i genitori e la sorella Giada, preparare la valigia e partire alla volta di Condofuri. Ad attendere c'era un intero paese inorgoglito dalle imprese di questa ragazza nelle cui vene scorre sangue reggino. A farle festa sono stati soprattutto gli amici che lei conosce e, d'estate, frequenta da quando erano bambini e insieme giocavano a "saltarello". Ragazzi e ragazze con i quali condivide le serate a volte monotone in un angolo del litorale jonico che con i suoi locali notturni sulla spiaggia e' stato il cuore della movida reggina fino a quando non hanno aperto i battenti i tanti lidi che animano l'estate nella città dello Stretto. Gli amici hanno dato il benvenuto ad Arianna scrivendo sui muri il loro grazie. La gratitudine dell'intera comunità ha preso corpo nella cittadinanza onoraria deliberata dalla terna commissariale che governa il Comune di Condofuri. Ricevendo la massima onorificenza che un'amministrazione comunale puo' conferire, Arianna Errigo non era emozionata come al momento di salire sul podio olimpico ma, sicuramente, il cuore le batteva forte. Magari ha pensato alla gioia che avrebbe provato nonno Vito, il suo primo tifoso che, purtroppo, ha lasciato questo mondo in una giornata di fine giugno mentre lei era impegnata nei campionati europei che l'hanno vista andare a medaglia. La cerimonia si e' svolta sul palco allestito per i festeggiamenti in onore della Patrona, presenti i commissari prefettizi Castaldo, Surace e Tortorella, i consiglieri regionali Candeloro Imbalzano e Giovanni Nucera, il consigliere provinciale Pierpaolo Zavettieri, il colonnello Falferi, comandante provinciale dell'Arma dei Carabinieri della quale Arianna e' portacolori, i vertici locali delle forze di polizia e della Capitaneria di porto. La schermitrice azzurra ha esortato i ragazzi a praticare lo sport e si e' assunta l'impegno di continuare a portare nel mondo l'immagine della Calabria positiva e vincente. Ha fatto, anche, una promessa: <Continuero' - ha detto - a venire in vacanza a Condofuri come ho sempre fatto. D'altronde qui ho tanti amici che ogni volta rivedo e riabbraccio volentieri>. Il successo non l'ha cambiata e non ha diminuito la sua voglia di continuare a tirare in pedana. Già sta pensando, infatti, ai prossimigli impegni di Coppa del Mondo. In bocca al lupo, Arianna.