Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Sabato, 04 Luglio 2020

Una Banca del cuore per stare in salute

Uno screening gratuito di prevenzione cardiovascolare per i rappresentanti del clero reggino e la consegna della bancomHeart personale, la card di Banca del Cuore, unica al mondo, per prendersi cura al meglio della propria salute anche lontano da casa o Uno screening gratuito di prevenzione cardiovascolare per i rappresentanti del clero reggino e la consegna della bancomHeart personale, la card di Banca del Cuore, unica al mondo, per prendersi cura al meglio della propria salute anche lontano da casa o quando non si ha la possibilità di raggiungere il proprio medico. Foto il Cuore del Clero 2Tutto questo grazie alla giornata del“cuore del clero” tenutasi al seminario arcivescovile e realizzata dai dottori e componenti Anmco Vincenzo Amodeo, Francesco Ciancia, Fabiana Lucà, Massimiliano Rao ed ancora Virgilio Pennisi, responsabile U.O.C. di Cardiologia del Grande Ospedale metropolitano. Tutti protagonisti di una preziosa attività di indagini archiviate nella Banca del Cuore: dalla raccolta dei dati anamnestici, alla misurazione della pressione arteriosa e registrazione dell’elettrocardiogramma. “Abbiamo messo altri cuori in cassaforte per custodirli come oggetti preziosi e continueremo a farlo, in futuro, in questo lungo e affascinante percorso al servizio della gente- è il bel messaggio di Amodeo-. D’altra parte, guardando anche ai dati forniti dall'Osservatorio Epidemiologico Cardiovascolare con l'Istituto Superiore di Sanità – aggiunge il componente nazionale dell’associazione medici cardiologi ospedalieri- ci rendiamo conto diquanto la prevenzione sia alla base di tutto. Le malattie cardiache e l'ipertensione arteriosa, nella fascia di età compresa tra 35 e 75 anni, colpiscono infatti in Italia il 51% degli uomini e il 37% delle donne. Serve – conclude Amodeo- alzare il livello di consapevolezza e responsabilità ed uno strumento prezioso può essere proprio “BancomHeart” che consente di fotografare il proprio stato di salute in più modi. Attraverso la password segreta conosciuta solo dall’utente, permette di connettersi online, dall’Italia e dall’estero, alla Banca del Cuore e di vedere o scaricare il proprio elettrocardiogramma e i dati clinici e di arricchirla di nuovi dati diagnostico-strumentali eseguiti nel corso degli anni”.
Nella foto: da sin. Santoro, Lucà, Ciancia , Amodeo, Plutino, Rao, Pennisi e Scordo.