Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Venerdì, 07 Agosto 2020

Un “giallo” clamoroso e per intenditori: decine di detective indagano…

Il  “Festival del Giallo" a  Cosenza dal 18 al 20 ottobre.  Cristina Marra, direttore artistico, racconta l'evento giunto alla sua seconda edizione: "L'edizione di quest'anno é dedicata alla figura del detective, anche perché tutti gli scrittori che ospiteremo nei loro Il  “Festival del Giallo" a  Cosenza dal 18 al 20 ottobre.  Cristina Marra, direttore artistico, racconta l'evento giunto alla sua seconda edizione: "L'edizione di quest'anno é dedicata alla figura del detective, anche perché tutti gli scrittori che ospiteremo nei loro romanzi trattano un detective seriale.

Cristina Marra


La novità piú significativa di questa stagione riguarda la letteratura straniera. Abbiamo  invitato al Festival Jacob Melander, scrittore danese, che viene tradotto in 18 paesi e, per la prima volta, anche in Italia. A Cosenza infatti  verrà presentato in anteprima il suo romanzo ‘Nei tuoi occhi’, edito dalla Giano editore".
Saranno 15, invece, gli scrittori italiani scelti per raccontare i loro romanzi e che si alterneranno nella "Sala degli specchi" del palazzo storico della Provincia di Cosenza. "Con loro abbiamo organizzato presentazioni e reading - dice ancora Cristina Marra-. Venerdì e sabato mattina, abbiamo in programma due incontri, che si terranno nell’auditorium Guarasci del Liceo Classico Telesio, dedicati agli studenti.  La prima giornata prevede un talk show con Luca Crovi e con i principali ospiti del Festival. Si parlerà della figura del detective. Il secondo giorno invece ci sarà un monologo di Donato Carrisi che é l'autore de "L'ipotesi del male", un bestseller edito da Longanesi. Oltre che presentare il suo romanzo, Carrisi coinvolgerà il pubblico giovane nel parlare dei suoi personaggi, del suo modo di concepire un thriller. I ragazzi dunque avranno l'opportunità  di conoscerlo e di indagare con lui nell'universo del thriller italiano".
L'appuntamento, che l'anno scorso ha richiamato circa quattro mila tra esperti del genere, scrittori e visitatori, é stato ideato dall'assessore provinciale alla Cultura Maria Francesca Corigliano. Aggiunge Cristina Marra: "Venerdì sarà inaugurata una mostra dedicata al Graphic Novel e al fumetto. L'anno scorso era dedicata a Diabolik, quest'anno invece a Giulia, che é una criminologa protagonista dei fumetti della Bonelli editore. Allestiremo uno spazio con venti copertine originali, le prime venti del fumetto, e domenica interverrà Marco Soldi, che é il disegnatore di questo personaggio femminile. Con lui parteciperà Sebastiano Vilella, autore di un graphic novel per la Coconino Press".
Ospiti, quest'anno, anche tre attori famosi di fiction: "Un gradito ritorno é quello di Flavio Insinna, che l'anno scorso é stato con noi per presentare ‘Don Matteo’. Aprirà il Festival venerdì pomeriggio nella veste di Diego Santamaria, protagonista della fiction di ‘Ho sposato uno sbirro’. Coordineremo un talk show insieme a Mariuccia de Vincenti, Luca Poldelmengo, sceneggiatore del film per il cinema "Cemento armato" con Faletti,  e Margherita Oggero, dal cui romanzo é tratto "Provaci ancora prof", la fiction in onda in questi giorni su Raiuno. Il secondo ospite sarà Simone Montedoro, che é il capitano Tommasi in ‘Don Matteo’. Chiuderemo domenica sera con Cesare Bocci, alias Mimì Augello del ‘Commissario Montalbano’, che si presenterà anche nella veste di conduttore di cronaca su Raitre "Il giallo ed il nero".
Saranno 15 invece, come detto, gli autori italiani, molti dei quali – sottolinea ancora il direttore artistico – sono ancora nella classifica dei libri più venduti in questo momento. “Autori bravi ed interessanti – spiega  Marra -. Tra i più noti:  Maurizio De Giovanni, col quale faremo un reading cui parteciperà un’attrice salernitana che cura tutte le rappresentazioni teatrali di questo autore. Con lui parleremo dei suoi due detective, del commissario Riccardi e dell'ispettore Loiacono. Altro ospite importante sarà Massimo Carlotto, autore de “Le vendicatrici”, intervistato da Luca Poldelmengo. Ci sarà poi anche Marcello Simoni,  che l'anno scorso ha vinto il  premio Bancarella, e con lui esploreremo un detective del Medioevo. E poi ancora Riccardi, Sanvitale, Bruschini”.
Il “Festival del giallo” penserà anche ai lettori giovanissimi, con lo spazio “Giallo Kids”, un laboratorio di scrittura con Assunta Morrone e Iole Savino, che  anticiperanno il loro libro giallo che uscirà tra un mese dal titolo "Io e Velazquez”.
Ma quanto lavoro c’è nell’organizzazione di un festival importante come questo di Cosenza? “E’ stato un impegno lungo e meticoloso. Dopo l’incarico ricevuto dalla Provincia, abbiamo contattato diverse case editrici e gli scrittori in persona,  lavorato a lungo nella stesura del programma: dalla scelta della accoglienza alla comunicazione. Crediamo di aver creato un secondo evento interessante, grazie ad un calendario ricco di incontri che, a mio avviso,  incuriosiranno molto gli amanti della letteratura gialla. Il Festival - sottolinea Marra -  sta creando molte aspettative. Forti del successo dello scorso anno, già da un mese si parla della nostra manifestazione. Nelle principali piazze di Cosenza, ma anche a Vibo e a Catanzaro, sono stati allestiti degli ambient nelle principali piazze. Abbiamo tanto entusiasmo per questa seconda edizione, che sembra avere tutte le carte in regola per un altro successo. Esattamente come l’anno scorso, omaggeremo tutti i visitatori di una nuova pubblicazione: un’antologia di 14 racconti inediti e scritti da molti degli autori presenti e da alcuni esordienti, edita da Falco editore, che avrà come protagonisti gli animali in veste noir. L’anno scorso abbiamo avuto oltre quattro mila visitatori, speriamo quest’anno di averne molti di più. La manifestazione sta avendo una vasta eco anche al di fuori dei confini regionali. Abbiamo già avuto tante richieste. Oltre che un successo culturale, sarà anche un richiamo turistico perche farà arrivare a Cosenza e nella nostra regione tanti amanti del genere giallo e noir”.
Cristina Marra non dice tutto però. Garantisce che il Festival presenterà tante  “piccole sorprese. Ma preferisco mantenere il mistero”.