Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Giovedì, 22 Ottobre 2020

Caso Covid-19 in Consiglio, il Segretario Generale Lauria: "Adottate le misure tecniche, organizzative e procedurali previste dal protocollo di sicurezza aziendale anti-contagio dell’Ente"

Si trasmette, nella sua stesura integrale, la circolare a firma del direttore generale del Consiglio regionale della Calabria, avvocato Maria Stefania Lauria, contenente “misure organizzative in considerazione di caso confermato di Covid –19”.

“A seguito della registrazione di un caso confermato di COVID-19, relativo a un dipendente di questa amministrazione assegnato al Settore Risorse umane, si comunica che sono state adottate le misure tecniche, organizzative e procedurali previste dal protocollo di sicurezza aziendale anti-contagio dell’Ente. In particolare, questa mattina è stata effettuata la pulizia straordinaria dei locali destinati al Settore interessato e il personale dello stesso settore è stato opportunamente autorizzato allo svolgimento della prestazione lavorativa interamente in modalità agile.

Secondo le disposizioni della circolare n. 5443 del 22 febbraio 2020 del Ministero della Salute, si procederà nella giornata odierna alla pulizia e sanificazione di tutti gli uffici e dei percorsi abituali destinati alla mobilità interna del personale e dell’utenza, compresi i servizi igienici. Il Consiglio regionale, inoltre, ha tempestivamente contattato le autorità sanitarie competenti offrendo la più ampia collaborazione e fornendo ogni utile indicazione diretta ad applicare le misure di prevenzione del contagio. Si evidenzia che è compito delle autorità sanitarie competenti adottare gli eventuali consequenziali provvedimenti. Si raccomanda il massimo rispetto delle prescrizioni previste nel protocollo di sicurezza aziendale del Consiglio regionale della Calabria e si invitano i dirigenti dell’Ente e i referenti delle strutture ad autorizzare lo svolgimento della prestazione lavorativa interamente in modalità agile, per un periodo di almeno sette giorni dalla data odierna, laddove individuino condizioni di rischio connesse alla situazione sovra descritta”.