Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Venerdì, 23 Ottobre 2020

Viaggiare nelle città della Magna Graecia. Un libro-guida (di Beniamino D’Errico) per un turismo emozionale.

Le tracce del passato lette in una duplice chiave: sia nella funzione che hanno svolto nel contesto dell’epoca che in senso antropologico, contribuendo a modellare il vissuto e l’identità delle comunità, plasmandone mentalità, paure e speranze.

È questo il taglio del libro “Turismo e territorio nei miti della Magna Graecia” scritto da Beniamino D’Errico, docente a Venezia di “Geografia delle risorse economiche e turistiche”. Laureato in Urbanistica (IUAV) con il massimo dei voti, D’Errico è autore di diversi volumi su urbanistica, turismo, beni architettonici, storici ed archeologici.

La pubblicazione (Libreriauniversitaria.it edizioni), una sorta di “guida di turismo emozionale”, è un vero e proprio viaggio nelle città della Magna Graecia.

Mette in evidenza come “nel XXI secolo il concetto di ‘Beni Culturali’ si sia dilatato coinvolgendo anche categorie un tempo impensabili come i beni immateriali portatori di valori storico-culturali (miti e leggende, tradizioni popolari, usi e costumi delle comunità, folclore)”.

Ed è in questa prospettiva di lettura del passato che s’incastona una nuova dimensione del turismo, non più consumistico, mordi e fuggi, ma slow, occasione per assaporare l’essenza dei luoghi, cogliere legami, relazioni, radici. Anche a causa dell’emergenza pandemica, i trend oggi sono quelli di un turismo lento, alla scoperta della parte del Paese meno nota e meno affollata.

Quella di D’Errico è dunque un’operazione letteraria che permette al visitatore di mettere tutti i tasselli al loro posto e di entrare nel cuore dei segni. Come giustamente è stato detto: “Questo libro ha nella mitologia il filo conduttore che porta il lettore a percepire l’emozione dei segni della storia presenti nei siti archeologici e nei musei calabresi e lo incuriosisce a visitarli”. Ed è anche per questo che il volume - oltre ad avere carattere didattico e divulgativo - può essere valido strumento per guide, accompagnatori turistici e tour operator per la promozione di pacchetti “tematici”.

La Calabria è una terra “ricca di itinerari fantastici e leggendari, di simboli e magie, una terra carica di misticismo che deve valorizzare la sua identità storica”. E questa pubblicazione è proprio capace di trasmettere il “genius loci” dei luoghi storici e dei beni culturali.