Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Domenica, 09 Agosto 2020

"Senza freni. Per una ripresa a trazione meridionale": convegno Rubbettino sul Mezzogiorno

Si terrà il 30 maggio, presso la sala Critelli della casa editrice Rubbettino di Soveria Mannelli, il convegno sul Mezzogiorno "Senza freni. Per una ripresa a trazione meridionale". L'obiettivo sarà quello di fornire risposte di ordine culturale e suggerimenti alla Si terrà il 30 maggio, presso la sala Critelli della casa editrice Rubbettino di Soveria Mannelli, il convegno sul Mezzogiorno "Senza freni. Per una ripresa a trazione meridionale". L'obiettivo sarà quello di fornire risposte di ordine culturale e suggerimenti alla classe politica attraverso un proficuo incontro tra mondo accademico e mondo imprenditoriale.Rubettino "Guardare avanti per non tornare sui propri passi, guardarsi negli occhi per nonrimanere soli, guardarsi alle spalle per non lasciare indietro nessuno": sono i tre propositi che potrebbero rendere possibile una via di ripresa "a trazione meridionale", su cui il convegno si concentrerà con numerose analisi e testimonianze. Ad aprire il dibattito l'amministratore delegato della casa editrice di Soveria Mannelli, Florindo Rubbettino, cui seguiranno gli interventi di Mario Bozzo, presidente della fondazione Carical, e Mario Caligiuri, assessore alla cultura della regione Calabria. Carlo Borgomeo (presidente della fondazione "Con il Sud"), Vittorio Daniele (docente dell'università Magna Graecia di Catanzaro), Guido Pescosolido (docente dell'università La Sapienza di Roma) e MartaPetrusewicz (docente dell'università della Calabria) discuteranno di divario, ritardo e retorica.
Toccherà, poi, ad Andrea Bartoli (fondatore, insieme a Florinda Saieva, del parco turistico culturale di Agrigento "Farm cultural park"), Adriano Giannola (docente dell'università di Napoli Federico II e presidente Svimez, associazione per lo sviluppo dell'industria nel Mezzogiorno), Amedeo Lepore (docente dell'università Luiss Guido Carli), Carmela Schillaci (docente dell'università di Catania) e Alessandro Barbano (direttore de Il Mattino) interrogarsi sull'esistenza di un modello meridionale di sviluppo. Interventi e analisi che cercheranno di tracciare percorsi di sviluppo sostenibile, opponendosi alla recessione del pensiero che sta alla base degli atteggiamenti del nostro Paese da ormai troppo tempo.