Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Martedì, 14 Luglio 2020

“Fa’ la cosa giusta!”. A Milano 4 stand calabresi

Apre i battenti a Milano la decima edizione di “Fa’ la cosa giusta!”; la fiera nazionale dedicata al consumo critico ed allo stile di vita sostenibile, organizzata da Terre di Mezzo ed Insieme nelle Terre di Mezzo Onlus.

Ph. Alessia Gatta


Fino a domenica 17 marzo, sarà possibile visitare nei padiglioni di Fieramilanocity, tutte le novità ed i prodotti legati alle ultime tendenze del vivere etico ed a impatto zero in Italia. Un’esposizione che guarda al futuro, forte della partecipazione di oltre 67mila visitatori, 700 espositori e 2000 studenti, della scorsa edizione. Se i consumi “industriali” sono in calo, i consumi etici risentono della crisi ma si mantengono stabili; dall’alimentare, all’ecoturismo, alla finanza etica, non si notano particolari inflessioni, visto che anche la grande distribuzione ha dovuto assumere il profilo del consumatore etico e delle sue “richieste” che spaziano dalla policy aziendale in materia di costo del lavoro, qualità dei prodotti e distribuzione.
Per questo “Fa’ la cosa giusta!” utilizza un lessico globale, perché da un decennio è diventato l’appuntamento fisso di chi pensa, costruisce e attua un mondo diverso a partire da pratiche e consumi.

Ph. Alessia Gatta


La sezione speciale di quest’anno sarà la mobilità sostenibile ed ospiterà al suo interno la seconda edizione di Elettrocity, la fiera dedicata ai veicoli elettrici  organizzata in collaborazione con Gespi SpA. Ci sarà spazio non solo per conoscere, ma per provare oltre cento modelli di mezzi elettrici tra automobili, microcar, moto e scooter, biciclette a pedalata assistita, personal mover e veicoli commerciali che potranno essere provati o su un circuito interno o su strada,  per sperimentare nuovi progetti e usi di mobilità urbana. A tingere di colori internazionali ci penserà invece il Paese ospite, che affranca nuovamente una collaborazione in prima linea: il Brasile. Motore di sviluppo verde dell’America Latina sarà presente grazie al sostegno dell’organizzazione SESI - Serviço Social da Indústria - che presenterà i propri progetti a contrasto dello sfruttamento sessuale minorile e di lotta allo spreco alimentare.
Fare la cosa giusta non significa solo muoversi, vestirsi o viaggiare eticamente, ma anche alimentarsi in maniera consapevole ed in questo gli espositori calabresi sono intenzionati a lasciare segno, odori e tradizioni con quattro stand che saranno presenti in Fiera: Oleificio Gabro, Le Terre di Zoe, Masserie Canino, Muscoli di grano.

Ph. Alessia Gatta


Eccellenze della nostra terra che mostreranno agli avventori della Fiera la grande varietà di produzioni della Calabria. Ad esempio l’Oleificio Gabro è un'eccellenza nella produzione di olio D.O.P. Bruzio-Sibaritide, prodotto da olive tipiche dell'area della Sibaritide, "Grossa di Cassano" e "Tondino" ed è leader per qualità e capacità produttiva nel settore del biologico. Un’azienda, questa, che viene da lontano (è stata fondata nel 1909 da Oronzo Brogna), ma che guarda in avanti, grazie alla ricerca e alla qualità dei prodotti.

Ph. Alessia Gatta


L’azienda agricola biologica, le Terre di Zoe, ha un orientamento agrumicolo ed olivicolo. I terreni, che fanno parte dell'azienda agricola, sono situati in provincia di Reggio Calabria per un'estensione complessiva di circa 20 ettari. L’azienda dal 2004 ha iniziato una strada di riconversione al biologico, certificata dall’ente Q Certificazioni SRL, dove ulivi, mandarini, arance e kiwi sono i prodotti di punta di una realtà che ha fatto della qualità il suo biglietto da visita per contrastare crisi dei consumi e concorrenza. Le Masserie Canino rappresentano un connubio tra identità e tradizione, essendo giunti alla terza generazione, da sempre attento alla qualità di un olio extra vergine d'oliva che nasce da olivi che si stagliano alti e maestosi lungo la fascia ionica, a salire da un lato lungo la Presila catanzarese e dall'altro lungo il Golfo di Squillace in direzione delle Preserre catanzaresi.  Il prodotto quindi rappresenta al meglio le peculiarità della Calabria, unendo la vocazione montana all’improvvisa e scoscesa salinità delle coste. Enzo Marascio invece propone i suoi Muscoli di grano, un sostitutivo del seitan, che nacque, come racconta Marascio, «per errore dopo vari tentativi di produrre in maniera artigianale qualcosa di alternativo alle noiose diete per l’ipertensione e il diabete». L’impasto viene lasciato a riposo, come per il pane, e poi sottoposto a lavaggi successivi, con acqua preferibilmente calda, per separare il glutine dall’amido e dalla crusca. Il risultato finale è una specie di panetto che, lasciato raffreddare, viene tagliato a fette e cucinato come la carne.