Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Lunedì, 06 Luglio 2020

Modern Money Theory: esperti a confronto sul potere globale

La crisi politico –economica occidentale del XXI secolo, la Modern Money Theory e le controversie dinamiche del Potere Globale. Questo è il titolo del convegno, presentato nell’ambito del “Progetto MMT Calabria /Europa” che si svolgerà dal 30 novembre al 2 La crisi politico –economica occidentale del XXI secolo, la Modern Money Theory e le controversie dinamiche del Potere Globale. Questo è il titolo del convegno, presentato nell’ambito del “Progetto MMT Calabria /Europa” che si svolgerà dal 30 novembre al 2 dicembre in Consiglio regionale a Reggio Calabria.

Il Parlamento Europeo a Strasburgo


Al tavolo dei relatori si alterneranno i massimi esperti mondiali di MMT, come Stefanie Kelton, Marshall Aurerback, Pavlina Tcherneva e William Black,  ma anche politologi, sociologi, filosofi e giornalisti economici che discuteranno di dinamiche macroeconomiche e macropolitiche.
L’attuale crisi economica europea e occidentale, impone la necessità di confronti e dibattiti che portino ad interrogarsi sulle prospettive future occupazionali per le giovani generazioni. In tal senso, l’incontro promosso si pone l’obiettivo primario di studiare e sottoporre all’attenzione i paradigmi politici, culturali ed economici che possano fornire un’alternativa valida  alla crisi che attanaglia l’Europa.
Nella tre giorni, i relatori tracceranno una prospettiva di cambiamento basata sullo studio e la consapevolezza critica degli indicatori politico -economici che hanno una maggiore incidenza. Partendo dalle teorie sviluppate nel corso del XX secolo dagli epigoni della scuola austriaca di Ludwig von Mises e Friedrich von Hayek, negli Anni Settanta e in quelle elaborate della scuola di Chicago dominata da Milton Friedman e George Stigler, sarà tracciato un excursus delle dinamiche con cui il potere nell’era contemporanea, secondo alcuni analisti e economi, abbia utilizzato le stesse teorie per sviluppare una visione tecnocratica della gestione della società, diffondendole presso le principali istituzioni economico- finanziarie internazionali.
Nella sala “Giuditta Levato” di Palazzo Campanella, si è svolta la conferenza stampa di presentazione del convegno. Presenti il presidente del Consiglio regionale Francesco Talarico, l’assessore regionale alle attività produttive Antonio Caridi, il vicepresidente della Provincia Giovanni Verduci, in rappresentanza del Presidente Giuseppe Raffa, il capo ufficio stampa Romano Pitaro e il responsabile del progetto organizzativo “ Progetto MMT Calabria /Europa” Francesco Maria Toscano.

Il Parlamento Europeo a Strasburgo


L’importanza dell’incontro come veicolo per diffondere un messaggio positivo per la nostra regione, è stata espressa dal Presidente Talarico.  “ La tre giorni organizzata – ha dichiarato – sarà utile per far uscire la Calabria dai luoghi comuni, che vedono la nostra regione negli ultimi posti fuori dai confini nazionali, per la disoccupazione e il Pil. Questa iniziativa, oltre a favorire un confronto fruttuoso, è un’opportunità importante anche per la classe dirigente, al fine di dare avvio ad un’azione sinergia con le imprese economiche, per dare un segnale di cambiamento e superare insieme questo momento di crisi economica. La Calabria – ha proseguito  Talarico – ha le risorse necessarie per risollevarsi. Oltre ad essere situata in un punto strategico del Mediterraneo, crocevia di scambi economici, può contare anche su settori come l’agricoltura che possono creare un percorso di crescita. Spero che a questo primo incontro, possano seguirne altri e che i rapporti creati si intensifichino sempre di più. Dobbiamo valorizzare maggiormente le nostre eccellenze e promuoverle con impegno. Abbiamo, inoltre, la possibilità di poter usufruire dei fondi comunitari, quale opportunità di crescita e di sviluppo per la nostra terra”.
L’assessore Caridi ha posto l’accento sulle iniziative messe in campo dalla regione a sostegno delle imprese. Le misure poste in essere, tramite il percorso avviato dalla Giunta Regionale, sono dirette ad aiutare l’economia calabrese. La Calabria ha bisogno di crescere e proiettarsi in un contesto economico regionale e nazionale che ne valorizzi le risorse e le eccellenze. La definizione di atti di programmazione condivisi, attraverso forme di concertazione e misure economiche di sostegno, potranno avviare una stagione di rilancio economico – produttivo della Calabria”.