Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Mercoledì, 12 Agosto 2020

Al Bookcity di Milano Carmine Abate presenta una nuova edizione de “La festa del ritorno” (Mondadori)

Carmine Abate al Bookcity di Milano, la rassegna culturale dedicata al libro e alla lettura che, dal 13 al 16 novembre, proporrà oltre 900 incontri con autori, spettacoli, reading, laboratori e mostre. Dopo la riapertura “alla grande” della Libreria Rizzoli Carmine Abate al Bookcity di Milano, la rassegna culturale dedicata al libro e alla lettura che, dal 13 al 16 novembre, proporrà oltre 900 incontri con autori, spettacoli, reading, laboratori e mostre. Dopo la riapertura “alla grande” della Libreria Rizzoli in Galleria (40mila titolo e la “saletta Biagi” come richiamo irresistibile), Milano dà spazio ai libri ed alla lettura.la festa del ritorno copertina libro
Lo scrittore di origini arbëreshë (nato a Carfizzi, in provincia di Crotone), vincitore della 50ma edizione del premio Campiello con “La collina del vento” (Mondadori, 2012) nonché prolifico narratore, poeta e saggista (i suoi libri, vincitori di numerosi premi, sono tradotti in Germania, Francia, Olanda, Grecia, Portogallo, Albania, Kosovo, USA), presenterà, il 15 novembre, presso la Mondadori in Piazza Duomo, una nuova edizione del romanzo “La festa del ritorno” (Mondadori, 2004), vincitore del Premio Napoli, del Premio Selezione Campiello e del Premio Corrado Alvaro.
Ad accompagnare Abate, in un dibattito sul rapporto padre-figlio (centrale nella trama del suo romanzo), sarà lo scrittore e saggista Giuseppe Lupo, docente di letteratura italiana presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e Brescia ed autore di “Atlante immaginario. Nomi e luoghi di una geografia fantasma” (Marsilio, 2014); romanzo che sarà al centro di uno specifico incontro: “Scrivere per inventare mondi” con Alessandro Zaccuri, nell’ambito di Bookcity il 16 novembre presso la Biblioteca di via Santa Marta.
La terza edizione di una Rassegna culturale che negli anni passati ha registrato uno straordinario successo di pubblico, è promossa dall’assessorato alla Cultura del Comune di Milano e dal Comitato promotore Bookcity composto da Fondazione Rizzoli Corriere della Sera, Fondazione Giangiacomo Feltrinelli, Fondazione Arnoldo e Alberto Mondadori e Fondazione Umberto e Elisabetta Mauri, con il contributo di Camera di Commercio di Milano e AIE (Associazione Italiana Editori), con il sostegno di AIB (Associazione Italiana Biblioteche), ALI (Associazione Librai Italiani) e LIM (Librerie Indipendenti Milano).

Carmine Abate, vincitore della 50° edizione del premio Campiello con “La collina del vento” (Mondadori, 2012), al Bookcity di Milano. Carmine Abate, vincitore della 50° edizione del premio Campiello con “La collina del vento” (Mondadori, 2012), al Bookcity di Milano.


Protagonisti saranno le figure cardine dell’intera filiera editoriale: editori grandi e piccoli, librai, bibliotecari, autori, agenti letterari, traduttori, grafici, illustratori, blogger, fino a lettori, scuole di scrittura, associazioni e gruppi di lettura, il mondo delle scuole e dell’università.
“Una terza edizione che è anche la prima edizione metropolitana di BOOKCITY MILANO, che coinvolge molte biblioteche del nuovo, allargato territorio milanese, estendendo progressivamente i confini della manifestazione sempre più lontano dal centro – ha dichiarato l'assessore alla Cultura Filippo Del Corno –. Con questa nuova edizione inoltre, mentre da un lato consolidiamo il ruolo protagonista delle scuole con oltre 170 progetti attivi sull’area metropolitana, dall’altro istituiamo una tradizione nuova, quella di conferire il Sigillo della Città a un grande autore della letteratura contemporanea che partecipa a BOOKCITY MILANO: quest’anno sarà David Grossman, a significare la grande attenzione di BOOKCITY MILANO ai temi più sensibili dell’attualità e per sottolineare il contributo fondamentale della letteratura al dibattito sociale e politico e, dunque, alla storia”.
Sarà difatti lo scrittore israeliano, impegnato sulle maggiori testate internazionali su temi di forte attualità come il processo di pace in Medio Oriente, ad inaugurare, giorno 13 novembre, Bookcity 2014 presso il Teatro del Verme, in un incontro dal titolo “La forza delle parole” con Edoardo Vigna.