Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Venerdì, 22 Gennaio 2021

Nucera e Imbalzano rinnovano la vicinanza istituzionale alla campionessa

Da Condofuri al circolo “Rocco Polimeni” di Reggio Calabria, per Arianna Errigo, il passo è stato breve e spedito. I festeggiamenti per la campionessa sono proseguiti in una delle strutture tennistiche più prestigiose d’Europa, dove, qualche anno fa, le azzurre Da Condofuri al circolo “Rocco Polimeni” di Reggio Calabria, per Arianna Errigo, il passo è stato breve e spedito. I festeggiamenti per la campionessa sono proseguiti in una delle strutture tennistiche più prestigiose d’Europa, dove, qualche anno fa, le azzurre del tennis si sono laureate campionesse del mondo ma dove, però, prima di Arianna, non era mai approdata una medaglia olimpica.

Da sinistra: Il segretario questore Giovanni Nucera, la campionessa Arianna Errigo, il consigliere Candeloro Imbalzano


Classe ed eleganza sono le sue armi anche sul grande piazzale reggino, dove a rinnovare il senso della vicinanza istituzionale e della politica che promuove e sostiene i valori dello sport, sono ancora il consigliere-questore Giovanni Nucera in rappresentanza del presidente Francesco Talarico ed il presidente della Commissione “Bilancio, Programmazione economica e Attività Produttive”, Candeloro Imbalzano che ha porto il saluto del presidente della Giunta Giuseppe Scopelliti.
“Arianna, con la sua semplicità e con la sua determinazione, è il volto radioso della Calabria positiva che sulle sue forze ha saputo disegnare un futuro ricco di emozioni e di aspettative. Testimonianza effettiva di come lo sport, se coltivato nel modo giusto, sia vera palestra di vita, momento formativo ed educativo che diventa bussola del nostro cammino, Arianna diventa anche esempio per tanti giovani che si può uscire dall’anonimato, credendo in se stessi e nello spirito di gruppo che forgia la personalità ma anche avvicina al prossimo”. Questo il messaggio di Giovanni Nucera che ha omaggiato Arianna di una bella coppa a nome della massima Assemblea legislativa calabrese, ripercorrendo i bei tempi del professore Pellicone e della storica Fortituido, unica società reggina che ha mandato i suoi atleti alle Olimpiadi.

“Una bella pagina all’insegna della calabresità e di quelle regole dello sport che Arianna, dall’Arma dei carabinieri, ha portato sulla pedana, unendovi i lati distintivi della sua personalità: creatività e uno spirito aggressivo finalizzato sempre a conquistare il punto e mai ad attendere l’errore dell’avversario”. Così, Candeloro Imbalzano ha salutato la campionessa olimpica, riconoscendole la grande capacità di aver saputo trasformare una passione di bambina in un progetto di vita che ancora ha tanti traguardi da raggiungere.
“Ci sono storie che lasciano il segno per come sono nate e per come sono coltivate, Ebbene, Arianna è una di queste: sacrificio, umiltà, senso profondo dell’amicizia e degli affetti più cari sono le tappe spirituali di un cammino che non ha mai perso di vista, portandola, oggi come ieri, al tradizionale appuntamento estivo di Condofuri, felice di festeggiare tra la sua gente un momento così bello che è orgoglio di tutti i calabresi”.