Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Venerdì, 07 Agosto 2020

“Quello che non ti aspetti” di Francesco Facchinetti

“Ci sono calabresi di talento in tutto il mondo! Avete un potenziale umano d’eccellenza, quanto sarebbe bello rendergli onore nella propria terra: fategli fare i calabresi in Calabria!” Francesco Facchinetti , ilconduttore televisivo e cantante noto fino al 2006 con “Ci sono calabresi di talento in tutto il mondo! Avete un potenziale umano d’eccellenza, quanto sarebbe bello rendergli onore nella propria terra: fategli fare i calabresi in Calabria!” Francesco Facchinetti , ilconduttore televisivo e cantante noto fino al 2006 con il nome di “Dj Francesco” ( oggi anche imprenditore e produttore discografico), li conosce molto bene i calabresi, dal momento che gli elementi cardine del suo staff sono due reggini. Uno dei due, Eugenio Scotto,  era proprio sotto il suo palco quando si esibì a Reggio per la prima volta nel 2003 sul Lungomare. “Quella sera – ci ha raccontato il cantante- mi ha seguito ovunque, anche in albergo, per avere anche solo un autografo”. Oggi sono inseparabili. Reggio per lui è anche questo : “Qualcosa di particolare mi lega a questa città - continua-. E poi sai che ho fatto? Durante  quel concerto  sono sceso dal palco per andare a mangiare un gelato, perché so che da queste parti lo fate molto bene, e poi sono risalito dal mio pubblico. La gente era in delirio.  C’erano almeno 10 o 15 mila persone” .  Ha fatto visita alla città dello Stretto in occasione della grande festa per l’apertura del campionato Serie B Eurobet 2013/14 e ci ha raccontato del suo amore per la Calabria. .

Nel 2010 sei stato testimonial dei Mondiali di Calcio per Rtl 102.5. Cosa ti lega così intensamente al mondo del calcio?

“Io sono un buon italiano, cresciuto col calcio, sono un grande sportivo e mi muovo sempre per vedere le partite. Anche se non gioca l’Inter, che è la mia squadra del cuore. Sono un calciatore mancato, ho giocato fino a quindici anni, fino a che ho deciso di mettermi a suonare seriamente. Ho giocato nelle giovanili dell’Inter, poi sono andato all’Atalanta. Poi quando l’Italia ha vinto gli ultimi campionati del mondo mi sono tatuato sul braccio ‘campioni del mondo ’, come se la partita l’avessi giocata io”.

Qualche giorno fa a “Uno mattina Estate” (in onda su Rai1), il critico d’arte Philippe Daverio ha detto : «Reggio Calabria è un posto terribile, come Messina che è un altro posto terribile. Il problema non sono i Bronzi o il Museo, il problema è la città che è una catastrofe». Tu che a Reggio ci sei stato e la conosci, così come tuo padre (Roby Facchinetti) che in questi giorni è in concerto a Reggio  con i Pooh, chene pensi della città?

“I Pooh ci sono stati altre volte,  perché Reggio è culturalmente  molta attiva. Daverio lo conosco, è un critico e quindi ha coscienza del linguaggio , pesa le parole e non spara così a caso. Ma penso che abbia detto una ‘cretinata’. Si vuole assolutamente esagerare, è sicuramente una città che ha i suoi problemi, questo è vero e bisogna dirlo, ma se la gestione delle cose fosse perfetta sarebbe una Ferrari. Avete un mare stupendo, cibo non ne parliamo, culturalmente è una città piena di cose. I talenti su cui si può contare potrebbero fruttare molto di più di quanto sta accadendo adesso. Ma ‘terribile’ proprio no. Se mi dici ‘terribile’ mi viene in mente Kabul, Beirut, Reggio  no. E comunque in Italia di città terribili non ce ne sono.

La carenza strutturale legata all’organizzazione dei concerti (dopo la morte di un tecnico dello staff di Laura Pausini il Palazzetto dello sport non ha più riaperto), compromette il sistema concertistico in città e nella regione? Da musicista come ti organizzeresti oggi per organizzare un concerto in Calabria?

Io ho suonato nello stesso Palazzetto di Reggio  nel 2004, lo conosco. Ma in generale in Calabria i concerti che ho fatto sono andati bene, sono stato di recente ad Altomonte, Caulonia e Gizzeria e abbiamo fatto rispettivamente 4mila, 2mila e 5 mila persone. Per cui la Calabria è una regione stupenda e bisogna prendersene cura. Ad Altomonte non c’ero mai stato, ed ho trovato davvero molti turisti americani, giapponesi, gente da tutto il mondo per vedere i vostri posti. Ho fatto dei tour con grandi artisti sui palchi calabresi, è vero, ci sono dei problemi da risolvere, ma si può fare e bene.

Cosa pensi dei calabresi?

Conosco un sacco di ragazzi calabresi che sono venuti a Milano a lavorare, hanno cercato di mettere in piedi delle cose qua perché in Calabria è più complesso. Il materiale umano è davvero molto interessante e poi ci sono calabresi di talento ovunque nel mondo. E’ giusto che non lascino la propria terra,  ma è anche giusto che gli si offra qualcosa di concreto  dandogli possibilità tangibili.

La tua prima autobiografia è titolata  “Quello che non ti aspetti”. Cosa non ci si deve aspettare da Francesco Facchinetti?

E’ un titolo che allargherei a tutti i giovani che vengono definiti erroneamente “bamboccioni”. Quello che non ti aspetti è quello con il quale i giovani riescono a sorprendere, che  i giovani degli anni ’80, ma ancora di più quelli del ’90 e del 2000 riescono a dare. Ma, un po’ come succede in Calabria,  hanno un po’ tarpate le ali. ‘Quello che non ti aspetti’ vuole fare credere ancora nei sogni, ma grida la voglia di avere almeno una possibilità. Il titolo voleva raccontare un po’ com’è il ragazzo del giorno d’oggi, al quale, a volte, non si dà la possibilità d esprimersi.

“Corri, corri che sei giovane!” ti ha scritto Mike Bongiorno dopo averti regalato un paio di bretelle, e a proposito di giovani che corrono : cosa ti senti di augurare ai giovani calabresi?

A proposito giovani che corrono mi sento di augurare di passare tutto quello che si fa quando si decide di mettersi in viaggio. Per cui ci saranno momenti di gioia, momenti di fatica, di svilimento, di speranza, momenti in cui si litigherà, ma alla fine di tutti i bei viaggi, quando si arriva in cima alla montagna,  si vede dalla vetta uno spettacolo incredibile. Auguro questo ai calabresi.

Claudia Tamiro