Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Martedì, 27 Ottobre 2020

Un progetto europeo per valorizzare la filiera legno – ambiente - foreste

Con la sottoscrizione lo scorso 13 novembre dell'atto d'obbligo presso il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (Miur) ha preso formalmente avvio un progetto di respiro europeo che vedrà la Calabria al centro di un’intensa attività, scientifica e pratica, nella filiera foresta-legno.

Il professor Scarascia-Mugnozza. Il professor Scarascia-Mugnozza.


Si tratta del progetto Ambi.Tec.Fil.Legno (PON 03), un laboratorio pubblico-privato, che ha come obiettivo strategico “lo sviluppo e l’integrazione di tecnologie innovative per la valorizzazione delle risorse ambientali e forestali della regione Calabria, legno in primis”.
Partner del progetto sono il CNR di Cosenza, il CRA di Cosenza e Reggio Calabria, l’Unical, l’Università Mediterranea di Reggio Calabria, l’Università della Tuscia, l’ENEA-CETMA di Brindisi e la University of Applied Sciences (Fac. Architettura, Ingegneria e Tecnologia del Legno) di Berna-Biel (Svizzera). Per la parte privata è prevista la partecipazione di 6 imprese di settore e dell’Ance, in rappresentanza dei costruttori.
filiera legno-forestaIl laboratorio, nell’ambito del Programma PON per nuovi Laboratori pubblico-privati, fa parte del Cluster MEA (Materiali Energia Ambiente) per la Regione Calabria, e punta a sviluppare per la nostra regione un programma integrato di coinvolgimento e di ricerca per e con le imprese, finalizzato a conoscere, inventariare, pianificare/gestire e utilizzare in modo innovativo le risorse forestali, le biomasse legnose e i servizi ambientali da loro offerti al territorio, particolarmente a rischio, del Sud Italia.
Come ha spiegato il professor Scarascia-Mugnozza, responsabile scientifico del progetto, “i risultati scientifici ed industriali di questo ambizioso progetto potranno giovare molto all’economia del Mezzogiorno, consentendo di valorizzare una preziosa risorsa quale quella del legno e creando contemporaneamente un volano di innovazione per le PMI locali operanti nel settore. In Calabria, con i dati sull’economia e l’occupazione forniti recentemente dalla Svimez e da Bankitalia, un progetto di questo tipo potrebbe costituire una tessera di un mosaico di ricostruzione economico-sociale.”