Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Giovedì, 29 Ottobre 2020

Il futuro dello Stretto dei giovani innovatori

Sono giovani. Qualificati. Innovatori. Animeranno, dal 19 al 21 Giugno, il Palazzo della Provincia di Reggio Calabria con la prima Fiera delle Start Up dello Stretto, organizzata da Terrearse Lab nell’ambito del progetto U Web.U-web-Locandina-2014-copia Avevamo già scritto (http://5.249.128.22/vecchio-calabriaonweb/2014/04/04/lentusiasmo-innovativo-delle-donne-la-vera-bellezza-e-la-voglia-di-fare/) di questo nuovo fermento che fa vibrare i giovani e giovanissimi che contrastano l’immobilismo del mercato del lavoro con uno spirito innovatore. Di chi il mercato lo vuole aggredire sfruttando le potenzialità del web. Un movimento di pensiero e di azione imprenditoriale che Terrearse LAB, attraverso il progetto U Web, ha saputo interpretare, accompagnare e sostenere in un percorso comune, sebbene su strade diverse, certamente nella prospettiva: farcela. O quanto meno provarci. Forti delle potenzialità del web e del network come valore, i giovani innovatori presenteranno le proprie proposte, vere e proprie piattaforme di innovazione e di idee di impresa che possono diventare concrete opportunità per gli ideatori, per giovani professionisti e per lo sviluppo dei sistemi in cui si inseriscono. Dalla green economy, al turismo, al food, all’agricoltura, al sociale, al digitale, ai servizi ed alla cultura d’impresa. Saranno tre giorni intensi e dinamici. Di incontri, eventi, panel, workshop, esposizioni, cooking show, conferenze, performance artistiche. Ne parliamo con Alessio Neri, presidente di Terrearse LAB, l’associazione senza scopo di lucro che ha ideato ed organizzato la manifestazione. Patrocinata dall’Assessorato alle Attività Produttive della Provincia di Reggio Calabria.
“La prima Fiera delle start up dello Stretto nasce nell'ambito del progetto "'U Web" di promozione della cultura di rete che portiamo avanti ormai da più di un anno e mezzo attraverso barcamp, workshop formativi e partecipazione ad eventi su tutto il territorio calabrese e anche nella dirimpettaia Messina. La Fiera giunge come primo punto di arrivo di un lungo percorso attraverso il quale abbiamo incrociato tante persone e così tanti progetti validi da pensare che era compito nostro creare un'occasione per unire tutte queste energie e farle incontrare.Schermata-2014-06-11-alle-17.26.39 La motivazione alla base dell'organizzazione di un evento di caratura nazionale come questa Fiera è tutta sociale. Siamo un'associazione no profit e non agiamo a scopo di lucro. Nostro obiettivo primario è mostrare ai giovani dello stretto e non solo come sia possibile sviluppare progetti nel nostro territorio senza dover emigrare”.
“Si tratta – continua Alessio Neri - di una forzatura nei confronti dello stato attuale della società reggina e calabrese, annichilita da anni di mala amministrazione e cattiva narrazione di se stessa. Le grandi idee e i grandi lavoratori ci sono, spesso sono chiusi dentro casa per paura di disperdere il loro potenziale creativo in un ambiente che non li capisce e non li sa accogliere. Con la prima Fiera delle start up dello Stretto Terrearse LAB ha deciso di iniziare a costruire questo luogo fisico e ideale dove creatività e innovazione troveranno sempre un tetto dove ripararsi, un "pasto caldo" e un comodo giaciglio dove sognare.
Per rendere le cose ancora più realistiche l'ultimo giorno della Fiera, durante la conferenza dedicata alla condivisione degli spazi di lavoro, presenteremo pubblicamente la nostra proposta popolare avanzata (con 560 firme) al Comune di Reggio Calabria per l'istituzione di uno spazio di coworking pubblico dedicato ai giovani innovatori reggini.terrazza-del-gusto Una grande casa dove creatività e condivisione saranno le parole d'ordine con l'obiettivo dichiarato di strappare dalla morsa del degrado uno dei tantissimi immobili che l'amministrazione sta cercando di vendere, privatizzando fette di patrimonio collettivo."
Una delle sorprese della Fiera è la “Terrazza del gusto” di Io Chef, la prima  scuola di cucina di Reggio Calabria, allestita nella terrazza del Palazzo della Provincia. Qui si susseguiranno show cooking con chef professionisti, contest che coinvolgeranno gli startupper in fiera, degustazioni di piatti ed elaborazioni culinarie realizzate rigorosamente con materie prime locali e a km0 fornite da diverse aziende produttrici locali che hanno deciso di supportare un progetto così ambizioso come questo.
Contemporaneamente, al pian terreno di Palazzo Foti, nella sala delle esposizioni, sarà possibile visitare lo “Spazio Expo”. Qui saranno esposti 18 start up dello Stretto. L’elenco degli espositori http://www.u-web.eu/le-start-up-dello-stretto-in-fiera/
La sala biblioteca ospiterà workshop e panel, mentre nella sala conferenze si terranno conferenze, seminari ed incontri tematici. Con testimonial di caratura nazionale.
Per le conferenze sul futuro dello Stretto http://www.u-web.eu/conferenze-sul-futuro-dello-stretto/
Per il programma completo http://www.u-web.eu/programma-completo/