Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Venerdì, 29 Maggio 2020

Il Presidente Tallini: "Entro martedì la composizione della Giunta per le elezioni"

“Intendo rassicurare coloro che ricorrono contro l’elezione di consiglieri regionali in carica. Non c’è alcuna intenzione di dilatare i tempi di insediamento della Giunta per le Elezioni a cui spetta il compito di compiere l’istruttoria sui ricorsi e presentare poi le relative proposte all’Aula”.

E’ quanto annuncia il Presidente del Consiglio regionale Domenico Tallini. “Il ritardo rispetto al termine ordinatorio previsto dallo Statuto – spiega il Presidente - è stato determinato in primo luogo dall’emergenza sanitaria che ha rallentato la primissima fase di lavoro del Consiglio e in un secondo tempo dall’esigenza pressante di inserire in ordine del giorno la discussione sul bilancio di previsione. Non siamo rimasti con le mani in mano. – sottolinea il Presidente della massima Assemblea elettiva calabrese - In occasione di ben due sedute della conferenza dei capigruppo ho chiesto ai presidenti dei gruppi di indicare al più presto i nomi dei componenti della Giunta per le Elezioni. Poiché tali indicazioni non sono ancora pervenute, ho provveduto a sollecitare nuovamente i capigruppo. Ho ragione di ritenere che il loro senso di responsabilità mi consentirà già nella seduta di martedì prossimo di comunicare all’Aula la composizione della Giunta”.

“Per onore di verità, debbo sottolineare la circostanza – ricorda il Presidente Domenico Tallini - che la nomina della Giunta mi è stata sollecitata, con la stessa premura dei ricorrenti, dagli stessi consiglieri regionali in carica di cui viene contestata l’elezione e in particolare dal collega Pietro Molinaro. E’ del tutto evidente – conclude - che tutti hanno interesse ad una rapida definizione dei ricorsi, sia coloro che li hanno prodotti, ma anche coloro che intendono svolgere in tutta serenità e senza ombre il loro mandato”.