Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Martedì, 22 Settembre 2020

Gli auguri di Buona Pasqua ai calabresi del Presidente del Consiglio regionale Domenico Tallini

“Trascorrere quest’anno la Santa Pasqua nel chiuso delle nostre case, continuando a rispettare le precauzioni necessarie per fermare la spirale infettiva, è la rappresentazione più eloquente di quanto difficile sia il tempo che viviamo.

L’emergenza sanitaria ed economica che investe i nostri territori e ci obbliga al distanziamento sociale, tuttavia può essere l’occasione per riflettere, in un mondo spesso distratto dal consumismo esasperato e da abitudini  caratterizzate da egoismi e narcisismi, sull’importanza dei valori della solidarietà e degli atti di responsabilità collettiva senza cui il senso stesso di comunità sarebbe vanificato. Rivolgo gli auguri di Buona Pasqua ai calabresi nella speranza che al disagio sociale,  a cui le Istituzioni pubbliche hanno il dovere di dare risposte immediate e significative,  non subentri quello  spirituale. E con l’auspicio che la  Resurrezione - momento fondamentale per il Cristianesimo -  dopo il sacrificio di Cristo sulla Croce, coincida con la fine della pandemia e consenta, gradatamente ed anteponendo la tutela della vita umana agli interessi economici, di riaprire il Mezzogiorno, l’Italia e l’Europa, all’insegna di un nuovo modello di sviluppo, più centrato sulla persona umana ed orientato a potenziare la coesione sociale, riducendo  le forti diseguaglianze e la recrudescenza della  povertà. Un augurio speciale di Buona Pasqua, voglio inviarlo - a nome mio e dell’Assemblea legislativa regionale che mi onoro di rappresentare - ai medici, al personale sanitario, ai volontari delle associazioni, alle forze dell’ordine ed a tutti coloro che, per dovere istituzionale o per spinta ideale e attenzione verso il prossimo, stanno facendo un lavoro massacrante nella lotta al coronavirus,  prodigandosi, anche correndo dei rischi, al servizio del bene comune”.