Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Venerdì, 26 Febbraio 2021

Al neo presidente dell’aeroporto di Crotone gli auguri di Pacenza (Pdl)

“Giungano le mie congratulazioni al neopresidente dell’aeroporto di Crotone Cesare Spanò ed un saluto di benvenuto ai 16 imprenditori che quest’oggi sono entrati a far parte della compagine societaria del Sant’Anna”.
Le felicitazioni del presidente del Comitato regionale per la qualità e la fattibilità delle leggi, Salvatore Pacenza, per l’avvenuta elezione di Cesare Spanò a presidente del Cda della società aeroportuale crotonese.
“Era dal dicembre 2011 – commenta l’onorevole Salvatore Pacenza – che si attendeva la nomina del nuovo presidente da parte del Cda. In questi mesi, nonostante i risultati record registrati dallo scalo, una serie di accadimenti nazionali e di intendimenti del governo non hanno certo dato vita facile al management. Eppure il Pitagora è riuscito a risultare primo in Italia nel primo semestre 2012 per performance di traffico passeggeri, a fronte di un calo generalizzato degli scali minori. Segnale che questa struttura è fondamentale per lo sviluppo strategico del territorio crotonese. Ebbene, a rafforzare ora questa tesi è arrivato l’ingresso in società di 16 privati che hanno deciso di metterci la propria faccia e i loro capitali per far decollare definitivamente questa infrastruttura. Si sono affidati in questo anche all’esperienza e all’intuito manageriale di Cesare Spanò che, in passato, aveva già avuto modo di amministrare un’azienda pubblica importante per il territorio qual è la municipalizzata Akrea. L’augurio è che questo nuovo assetto la società possa trovare la tranquillità che merita e così portare a compimento i progetti e gli investimenti già previsti per il potenziamento del Pitagora”