Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Mercoledì, 03 Marzo 2021

Giordano (Idv) incontra i precari della scuola

“La cerimonia di inaugurazione dell’anno scolastico 2012/2013, svoltasi a Catanzaro - a sentire i vari esponenti istituzionali intervenuti - ha messo in risalto molte luci, ma ha nascosto, pensando così di rimuoverla, la dura realtà del mondo dei precari che “La cerimonia di inaugurazione dell’anno scolastico 2012/2013, svoltasi a Catanzaro - a sentire i vari esponenti istituzionali intervenuti - ha messo in risalto molte luci, ma ha nascosto, pensando così di rimuoverla, la dura realtà del mondo dei precari che grazie ad una politica governativa dissennata, ha determinato l’impoverimento di migliaia di famiglie calabresi”.
Il consigliere regionale di Italia dei valori, Giuseppe Giordano interviene sul tema della precarietà del personale scolastico nella nostra regione “che ha visto la perdita, negli ultimi anni, di migliaia di posti di lavoro”.  “Come se non bastasse, sottolinea Giordano, ha contribuito ad aggravare la situazione il piano di dimensionamento scolastico regionale, di fatto cassato dalla recente sentenza della Corte costituzionale alla stessa stregua delle altre regioni per una invasione illegittima da parte dello Stato nelle competenze regionali. Per tale motivo ho presentato una interrogazione urgente che si discuterà nella prossima seduta consiliare al fine di spingere il Governo regionale a rivedere le parti più illogiche e irrazionali del suddetto piano attraverso un confronto con l’Ufficio scolastico regionale, le Province e i Comuni”.
“Il problema dei precari della scuola in Calabria, denuncia il consigliere regionale, deve diventare uno dei punti prioritari dell’agenda regionale, dovendo prendere atto che ‘la politica dello struzzo’ non aiuterà certamente a nascondere il grave disagio sociale”.
“Gli stessi progetti regionali, ricorda Giordano, seppur positivi nelle intenzioni, di fatto si sono rivelati insufficienti a rispondere ai problemi dei numerosi precari e, pare, non saranno più riproposti. In tal senso - aggiunge l’esponente di Idv - inviterei l’assessore Caligiuri, a valutare nuove modalità di intervento regionale attraverso investimenti economici più cospicui e meglio calibrati nei confronti del personale precario.  Probabilmente non si risolveranno i problemi, conclude Giordano, perché siamo consapevoli del ruolo fondamentale che riveste la politica del governo centrale nel settore, ma riteniamo comunque che la regione, nell’ambito delle proprie competenze, possa offrire delle risposte, sia pur parziali”