Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Mercoledì, 03 Marzo 2021

Magno (Pdl): "Su Afor, minoranza irresponsabile"

“Fino a ieri l’azione di contrasto al processo di rinnovamento del sistema calabrese inaugurata dal centrodestra è stata silente, nascosta, a volte subdola.  Il Presidente Scopelliti e la sua maggioranza sono stati spesso al centro del fuoco incrociato di un blocco di potere ben annidato nei gangli dell’architettura istituzionale di questa regione che, puntualmente, di fronte a propositi di riforma ed ammodernamento della sua macchina burocratica, ha messo in atto azioni contrarie – manifeste e, più spesso, tacite - volte a mantenere, invece,  lo status quo consolidatosi negli anni. Ieri, in Consiglio regionale, una parte di questo blocco di potere è venuto a galla, ostacolando l’approvazione del primo vero processo di riforma in materia di forestazione che questa regione avesse seriamente intrapreso”.
E’ quanto afferma il presidente della quinta Commissione “Riforme e Decentramento”, Mario Magno (Pdl) che aggiunge: “L’atteggiamento della minoranza, incomprensibile ed irresponsabile, azzera il coraggio e la determinazione con cui, per la prima volta, una maggioranza di governo ha affrontato un tema cosi scottante e, al tempo stesso, smaschera la volontà di una fazione politica e sindacale, quella del centro sinistra, che – strumentalizzando incolpevoli lavoratori - tenta di ostruire con ogni mezzo la stagione delle riforme, mantenendo la Calabria nella palude dell’assistenzialismo e dell’arretratezza”.
Magno conclude così: “Provo rammarico per l’occasione persa ma spero che essa sia servita per far capire ai calabresi chi predica il rinnovamento solo a parole e chi invece, sia pur fortemente disturbato, lo pratica nei fatti”.