Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Mercoledì, 03 Marzo 2021

Carmine Abate vince il "Campiello". Pacenza (PdL) si congratula con lo scrittore

“Non posso che unirmi alle manifestazioni d’orgoglio espresse in queste ore dalla comunità di Carfizzi per l’aggiudicazione del prestigioso premio Campiello da parte del nostro conterraneo Carmine Abate”.
Il presidente del Comitato regionale per la qualità e la fattibilità delle leggi, Salvatore Pacenza (PdL), esprime viva soddisfazione per gli esiti della 50esima edizione del prestigioso premio letterario “Campiello” istituito nel 1962 dagli imprenditori del Veneto.

Lo scrittore Carmine Abate


“Abate – commenta l’onorevole Salvatore Pacenza – si inserisce nel solco di quella produzione letteraria calabrese, accorata e realista, che ha contraddistinto i grandi autori del scorso secolo nativi di questa terra. La stessa Calabria che Leonida Repaci definì grande e amara. Da Alvaro a Strati c’è un filo conduttore che lega la stretta attualità vissuta da questi autori rispetto ai contenuti impegnati rintracciabili fra le righe delle loro opere. Sono scrittori quelli che la Calabria ha regalato alla nostra nazione che, col loro contributo intellettuale, hanno cercato e stanno cercando tuttora di innescare quel riscatto culturale e sociale da troppi secoli ormai negato nei confronti di questa terra abusata e bistrattata. “La collina del vento” – prosegueil consigliere regionale del PdL –, oltre a restituire una lucida rappresentazione di quei luoghi vissuti sin da bambino da Abate, racconta lo sforzo di una famiglia che tenta di difendere la propria terra, e quindi anche la Calabria, da chi nella storia recente ha sempre cercato di violarla. Sostengo l’importanza di veicolare anche e soprattutto attraverso la letteratura gli esempi virtuosi di questa gente calabrese che non si arrende ad un destino ormai segnato come farebbero invece i più arrendevoli fatalisti. Perché se alle nuove generazioni si offrono spunti di riflessione come quelli espressi da Abate nelle sue opere allora sì che si getterebbero le fondamenta su cui edificare questa rivoluzione culturale ormai non più rinviabile per la Calabria. Nel rinnovare i migliori auguri allo scrittore Abate per il riconoscimento appena ricevuto – conclude l’onorevole Pacenza – mi corre l’obbligo di invitare tutti coloro che ancora non lo hanno fatto a leggere “La collina del vento”