Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Mercoledì, 03 Marzo 2021

Pacenza (Pdl) "Il Cal sarà snello ed efficiente"

"Saranno discusse il prossimo 17 settembre all’interno della Conferenza dei capigruppo le proposte di modifica alla legge del 5 gennaio 2007 n.1, recante “Istituzione e disciplina del Consiglio regionale delle Autonomie locali (Cal)".
È quanto informa il presidente del Comitato regionale per la qualità e la fattibilità delle leggi, Salvatore Pacenza (PdL) circa l’iter di formalizzazione dell’organismo competente per il riordino territoriale in rispondenza a quanto previsto nel cosiddetto decreto “spending review”.
“L’obiettivo che ci si è prefigurati attraverso queste modifiche – chiarisce l’onorevole Pacenza – è quello di creare un organismo snello, in grado si avviare il suo lavoro in tempi ragionevolmente brevi, ossia entro il termine del 4 ottobre stabilito dal Legislatore nazionale. Soprattutto si sta lavorando perché il Cal, nel procedere alla riorganizzazione territoriale calabrese, sia attento a valorizzare le peculiarità e la dignità acquisita negli ultimi decenni dai diversi territori provinciali della nostra regione. In particolare – riferisce l’onorevole Pacenza – le modifiche che si intende apportare alla legge riguarderanno: la nomina istantanea dei 10 componenti di diritto del Cal (i presidenti delle Province e i sindaci dei Comuni capoluogo) per assegnare immediata operatività all’organismo; l’abolizione del gettone di presenza pari a 100 euro per i membri del Consiglio (col solo riconoscimento per loro del rimborso spese per il raggiungimento della sede dai rispettivi territori d’appartenenza); la riduzione dei componenti da 35 a 21 (compreso il presidente); l’introduzione di criteri più semplificativi per individuare la restante rappresentanza degli Enti territoriali con minori abitanti allo stato garantita da un iter elettivo. Una volta discusse ed eventualmente corrette dalla Conferenza dei capigruppo, tali modifiche approderanno quindi nella seduta del Consiglio regionale del prossimo 24 settembre per l’approvazione definitiva. Subito dopo il Cal potrà essere immediatamente operativo. Credo che per quanto riguarderà poi l’individuazione della figura di presidente del Cal  bisognerà tenere conto di quei territori che in Calabria subiranno la mannaia dei tagli alla spesa pubblica come Vibo e Crotone. Suggerisco – conclude l’onorevole Pacenza – che non si potrà non tenere in debita considerazione il lavoro di difesa degli Enti intermedi meno popolosi svolto negli ultimi mesi dal presidente della Provincia di Crotone Stano Zurlo in ambito nazionale “.