Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Venerdì, 22 Gennaio 2021

Guccione e Censore(Pd): Una proposta per Afor ed Arssa

I consiglieri del Pd Carlo Guccione e Bruno Censore hanno depositato in Consiglio regionale un emendamento aggiuntivo  all’ articolo 3 della Proposta di Legge n.261/9 della Giunta regionale della Calabria sulla Riforma dell’Afor con cui si chiede di aggiungere a I consiglieri del Pd Carlo Guccione e Bruno Censore hanno depositato in Consiglio regionale un emendamento aggiuntivo  all’ articolo 3 della Proposta di Legge n.261/9 della Giunta regionale della Calabria sulla Riforma dell’Afor con cui si chiede di aggiungere a tale articolo

Il consigliere del Pd Carlo Guccione


 

Il consigliere del Pd Bruno Censore


il Comma 9 “Attività di servizio di sorveglianza idraulica della rete idrografica calabrese, ai sensi delle leggi vigenti e della delibera di Giunta Regionale n. 602 del 14.09.2010”.
“Come è noto – affermano i consiglieri del Partito Democratico -,  il Servizio di Vigilanza e Sorveglianza Idrografica è affidato all’Afor che lo garantisce attraverso personale part-time assunto a tempo indeterminato. L’emendamento è stato presentato proprio perché nella Proposta di Legge di Riforma dell’Afor della Giunta regionale nei compiti della nuova azienda non veniva menzionata tale attività. Una dimenticanza assai grave che rischiava di creare non pochi e seri problemi”.
Secondo Guccione e Censore “L’importanza che tale servizio riveste nella nostra regione e che riguarda la

prevenzione, la messa in sicurezza e, soprattutto, l’allertamento delle popolazioni nel caso di eventi atmosferici di grave entità, deve essere salvaguardato ed organizzato in modo tale da garantire il servizio sette giorni su sette proprio per consentire che le autorità competenti (Autorità di Bacino, Protezione Civile, Province, Ministero dell’Ambiente, ecc.) siano allertate in tempo utile per intervenire tempestivamente ed evitare conseguenze tragiche come quelle già verificatesi a Sarno e Soverato”.