Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Mercoledì, 03 Marzo 2021

Mimmo Talarico (Idv): “Su tribunali, dibattito surreale”

“Noi dell’Idv siamo per la razionalizzazione del sistema giudiziario del nostro Paese ma, il dibattito di oggi in Consiglio regionale, ci sembra del tutto surreale”.

Il consigliere dell’Idv Domenico


E’ quanto dichiara Mimmo Talarico, consigliere regionale dell’Idv.
“Assistiamo all’intervento di parlamentari che hanno votato all’unanimità la legge delega e quindi anche i criteri che presiedono ai tagli di cui oggi discutiamo in Consiglio. Ci viene dunque da chiedere loro: perché lo avete fatto? Perché non pretendete il rispetto di quei criteri? Vorrei ricordare - continua Talarico - che tra questi vi è anche quello che nega il taglio dei presidi laddove c’è la presenza della criminalità organizzata e dunque, non è possibile chiudere i presidi di legalità in aree come la Sibaritide, il Lametino, il tirreno Cosentino dove c’è una forte presenza criminale. Chiediamo dunque ai parlamentari: che farete nei prossimi mesi quando il provvedimento tornerà nelle Commissioni per il parere o addirittura in Parlamento? Non vogliamo cadere nelle tentazioni localistiche o municipalistiche; Italia dei valori si batte per la difesa dei tribunali come presenza dello Stato e vogliamo che esso non arretri di un millimetro in Calabria: ciò significherebbe una resa che non possiamo accettare”.

“Questo provvedimento rappresenta il necrologio di una regione - conclude Talarico - poiché si inserisce in un quadro di altre azioni imposte alla nostra terra, come il taglio delle Province, degli ospedali, dei treni, degli autobus, delle tante imprese che chiudono e non sono supportate”.

 

L.L.