Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Mercoledì, 12 Agosto 2020

Pronto il "Testo unico" per l'emigrazione

Trentuno articoli suddivisi in cinque titoli. Obiettivo: rendere vivo il legame tra le comunità calabresi nel mondo e la loro terra d’origine. Sono, infatti, tanti e tanti i nostri emigrati  che, con i loro sacrifici e con la loro passione, Trentuno articoli suddivisi in cinque titoli. Obiettivo: rendere vivo il legame tra le comunità calabresi nel mondo e la loro terra d’origine. Sono, infatti, tanti e tanti i nostri emigrati  che, con i loro sacrifici e con la loro passione, offrono un contributo alla crescita e alla produttività dei Paesi che li ospitano, senza, per questo, mai recidere il cordone ombelicale con le loro radici.

Il consigliere regionale Alfonsino Grillo (Scopelliti Presidente)


Va in questa direzione, la proposta di legge regionale di iniziativa del consigliere regionale Alfonsino Grillo, che, dopo il via libera avuto dalla Commissione competente, attende l’esame definitivo da parte dell’Aula, consegnando, così, alla Regione Calabria uno strumento innovativo e importante in termini anche antropologici.
Intenso l’iter di preparazione alla stesura del testo che esalta il senso di appartenenza di chi vive fuori della Calabria.
A testimonianza, infatti, di una sfida che, nel tempo, ha impegnato ed inorgoglito il legislatore, in  materia di relazioni tra la Regione Calabria e le comunità calabresi nel mondo, sono pervenute alla Segreteria dell’Assemblea di Palazzo Campanella, tre distinte proposte di legge. La scelta della Conferenza dei Capigruppo di accorpare le leggi omogenee, con l’obiettivo di semplificarle e chiarirle, rendendole più fruibili ai destinatari  – proprio secondo quanto dichiarato dal presidente del Consiglio regionale Francesco Talarico nel suo intervento di insediamento ad inizio della legislatura - ha portato inizialmente alla redazione di un testo unico che, però, ha subito una serie di modifiche.
Si arriva così alla proposta di legge regionale di iniziativa del consigliere regionale Alfonsino Grillo. Un dato va subito evidenziato. La legge si caratterizza per non essere un testo unico di raccolta e di riunione delle disposizioni precedenti, ma un provvedimento per innovare i contenuti della materia stessa, come ben si evince direttamente dal titolo della legge che viene esplicitamente definita “organica”. Dunque, uno strumento in più, di cui si dota la Regione Calabria per realizzare un ponte culturale e sentimentale più forte con chi ci rappresenta nel mondo e ci guarda con l’amore di sempre. Un legame più stretto che punta anche alla formazione di una coscienza morale e civile nelle comunità calabresi e a salvaguardare l’identità storica e culturale.
In attesa dell’appuntamento definitivo dell’Aula, Grillo esprime soddisfazione per il lavoro fatto che ha ricevuto anche l’apprezzamento della Chiesa cattolica. “Oltre a superare quella pluralità di fonti che si erano accumulate e stratificate nel tempo,  ci siamo preoccupati di uscire da certa logica assistenziale – dice il consigliere regionale-. Abbiamo, così, guardato ai nostri emigrati - che preferisco chiamare ‘off-side’- come risorsa e opportunità effettiva per la nostra terra. Un valore aggiunto che rappresenta il salto effettivo e di qualità di un testo che si caratterizza per essere innovativo e per rendere più protagonisti e partecipi le nostre comunità all’estero con le quali abbiamo instaurato una costante concertazione ai fini di una più ampia condivisione. Lo stesso dicasi per la Consulta dei calabresi che, per l’occasione, si è riunita a Vibo e  all’interno della quale abbiamo previsto una presenza più sostanziale delle nuove generazioni di giovani”.
Quali novità più rilevanti, segnaliamo il sostegno alla partecipazione alle consultazioni regionali dei cittadini calabresi aventi diritto al voto, un maggiore coinvolgimento degli Enti locali, delle Istituzioni scolastiche e universitarie e delle associazioni attive all’estero e la semplificazione procedimentale per il riscatto dei periodi lavorativi svolti all’estero.