Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Domenica, 29 Novembre 2020

Uto Ughi, il ritorno del grande violinista in riva allo Stretto

Arte e solidarietà: non poteva esserci connubio più felice per un grande evento che accende i riflettori sulla Calabria: il “Concerto per la vita” che il 28 settembre, al teatro “Francesco Cilea”, terrà Uto Ughi, uno dei più celebri violinisti Arte e solidarietà: non poteva esserci connubio più felice per un grande evento che accende i riflettori sulla Calabria: il “Concerto per la vita” che il 28 settembre, al teatro “Francesco Cilea”, terrà Uto Ughi, uno dei più celebri violinisti del nostro tempo, che ha calcato i più famosi teatri del mondo, ricevendo consensi unanimi per le sue delicate interpretazioni.

Uto Ughi Uto Ughi


Ed è anche un felice ritorno nella città che, solo qualche anno fa, lo ha accolto con affetto, trovando straordinarie emozioni nella sensibilità musicale di una personalità culturale del nostro tempo che ha scritto la storia musicale del mondo. Ad ospitarlo, nel centenario della fondazione del kiwanis International, è il club “Citta dello stretto”, presieduto dal Guido de Caro che ha voluto che il ricavato venisse devoluto al comitato locale reggino della Croce rossa italiana ed alla fondazione “Benedetta è la vita”, che porta il nome di una splendida ragazzina reggina che ha lottato inutilmente contro una forma resistente di leucemia (i biglietti possono essere acquistati telefonando al cell.3473712868). “Il nostro motto è ‘Serving the children in the world”- spiega De Caro- ed è testimonianza di un impegno rivolto tanto al progetto internazionale ‘eliminate’, finalizzato alla eradicazione del tetano materno neonatale, quanto ad iniziative di vario genere che tengano presenti le situazioni locali e le esigenze più significative che emergano dal territorio. Proprio al fine di celebrare al meglio l’importante anniversario, il kiwanis “Citta dello Stretto”, ha organizzato questo concerto di beneficenza che vedrà protagonista Uto Ughi ed i filarmonici di Roma, manifestazione di particolare importanza culturale di cui la città di Reggio deve essere orgogliosa anche per il fatto che il grande musicista si è detto felice di esibirsi in riva allo Stretto, di cui ha un bellissimo ricordo sia in termini di partecipazione da parte del pubblico sia di accoglienza e generosità della terra di Calabria”. Dunque, si preannuncia un grande evento che vede salire sul palcoscenico reggino uno dei massimi esponenti della scuola violinistica italiana, fra i maggiori interpreti contemporanei. Il suo amore per la musica, iniziato fin da piccolo con l’apprendimento delle tecniche violinistiche, lo ha visto debuttare a soli sette anni al teatro lirico di Milano mentre già a dodici anni veniva considerato artista tecnicamente ed espressivamente maturo. Proprio in quegli anni, in cui da bambini è normale giocare con le piccole automobili, nasceva quella che sarebbe divenuta, nel giro di poco tempo, una delle stelle più luminose del firmamento musicale mondiale, imponendosi, Uto Ughi, all’attenzione della critica e del pubblico come uno straordinario talento.