Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Martedì, 24 Novembre 2020

Catonateatro, trent’anni di gloria

Il tuffo è nell’arte nella sua accezione più profonda ed autentica, ma anche nella storia. Sono trenta le stagioni impregnate di emozioni che la Polis Cultura offre all’affezionato pubblico, partendo da una sfida iniziata per caso e dal desiderio di Il tuffo è nell’arte nella sua accezione più profonda ed autentica, ma anche nella storia. Sono trenta le stagioni impregnate di emozioni che la Polis Cultura offre all’affezionato pubblico, partendo da una sfida iniziata per caso e dal desiderio di creare qualcosa di importante su quel terreno che oggi fa dell’Arena “Alberto Neri” un polmone culturale di tutto rispetto in campo nazionale. Catona TeatroDetto fatto. Lillo Chilà, anima e fondatore della Polis Cultura, può guardarsi indietro con la soddisfazione e l’orgoglio di avere inventato un festival che rappresenta un momento di forte identificazione con il territorio e di valorizzazione anche dell’ambiente, perché la rassegna sorge su uno dei lungomari più belli, dove la vicina Sicilia disegna scenari unici. Il 18 luglio, con il grande Albano, si apre un’altra pagina da non dimenticare: quella che dà il via al trentesimo compleanno di Catonateatro ed è una data alla quale non si arriva per caso, se non si hanno alle spalle solide certezze e se non si è investito in modo serio, di anno in anno, sulla programmazione, lasciando da parte improvvisazioni del momento. Se ancora, non si è investito sul sentimento del pubblico, creando un feeling che si rafforza nel tempo. Ed ecco la stagione 2015, che sta per prendere il volo. Undici appuntamenti, due in più delle ultime edizioni, che scorrono idealmente nella “porta del sogno” realizzata dall’artista reggina Nietta d’Atena, scultura che fa bella mostra di sé nella grafica del festival, specchio della vita e soprattutto della lotta. E se Fiorella Mannoia, il 21 agosto, è un forte motivo di attrazione, tanti i nomi già pronti a prendere per mano gli spettatori, rendendoli protagonisti di un viaggio artistico senza limiti e confini. Il via, come detto, il 18 luglio, Al Bano in concerto ed il suo “Voce dell’anima”; volto nuovo per Catonateatro, il cantante pugliese proporrà i suoi successi, accompagnato dal figlio Yari alla chitarra e dal giornalista e scrittore Pino Aprile. La chiusura il 29 agosto con una serata di festa, in cui prima Enrico Guarneri nei panni di “Litterio” e dopo Maurizio Schweizer e la sua somiglianza fisica e vocale col “Molleggiato” ne “Il re degli ignoranti”. In mezzo, tanti altri appuntamenti di rilievo.Cartellone catona teatro Il 23 luglio, di scena commedia brillante con “Ti amo… o qualcosa del genere” con Roberto Ciufoli e Gaia De Laurentiis, Francesca Nunzi e Diego Ruiz; il 30 luglio, un classico shakespeariano “Sogno di una notte di mezza estate”, in una rilettura di Ruggero Cappuccio (protagonisti Isa Danieli e Lello Arena). Il 4 agosto, invece, si conferma lo spazio che Catonateatro riservato alle realtà del territorio con la presenza della Concert Band di Melicucco guidata dal maestro Maurizio Managò che proporrà un percorso musical-teatrale “Dall’Unità d’Italia alla Grande Guerra”. Doppio appuntamento il 2 ed il 6 agosto con la commedia brillante di Catonateatro: il primo, “Lei è ricca, la sposo… e l’ammazzo!” con Gianfranco Jannuzzo e Debora Caprioglio in una storia d’amore tra un ex milionario ed una ricca ma goffa ereditiera; il secondo, Enrico Guarneri, oramai ospite fisso della rassegna catonese, con “Il consiglio d’Egitto, tra traduzioni di antichi manoscritti in lingua araba ed i moti rivoluzionari dell’antica Palermo. Con “Appunti di viaggio”, il 9 agosto, sarà Lina Sastri a portare nella magia del teatro, della musica e del cinema italiano, attraverso racconti di vita vissuta e brani poetici e musicali della grande tradizione classica napoletana ed internazionale. Il 13 agosto sarà nuovamente la volta del teatro di prosa e di una delle commedie più riuscite e di maggior successo di tutti i tempi; per il divertimento del pubblico, Ivana Monti, Paola Quattrini e Sergio Muniz in “Arsenico e vecchi merletti”. Ancora, il 24 agosto, commedia contemporanea “Ieri è un altro giorno!” con Gianluca Ramazzotti, Antonio Cornacchione, Milena Miconi e la partecipazione straordinaria di Augusto Zucchi ed il loro racconto di un’assurda giornata in cui niente va come previsto e niente sembra prevedibile, dove tutto è possibile e tutto può accadere. Il 27 agosto, tra aneddoti e canzoni, in uno spettacolo coinvolgente e spensierato, Enrico Montesano, assieme all’orchestra Saverio Mercadante diretta dal maestro Roberto Molinelli, omaggerà il M° Trovaioli.