Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Venerdì, 04 Dicembre 2020

Il “Rocco Polimeni” porta in alto la Calabria tennistica

Cristina Cortese- In riva allo Stretto, a pochi passi dal mare, c’è il “Rocco Polimeni” di Reggio Calabria. La sua è una storia importante nata su un vecchio campo in bitume, ed alimentata dalla passione per il tennis di un Cristina Cortese- In riva allo Stretto, a pochi passi dal mare, c’è il “Rocco Polimeni” di Reggio Calabria. La sua è una storia importante nata su un vecchio campo in bitume, ed alimentata dalla passione per il tennis di un gruppo di amici, tra cui il presidente di sempre, Domenico Travia.CT Polimeni donne Adesso questa storia si impreziosisce di un doppio e prestigioso risultato: promozione per gli uomini che accedono in A2 e per le donne che approdano in serie B. Mai, finora, il sodalizio reggino del presidente Igino Postorino aveva calcato simili palcoscenici nella massime competizioni nazionali a squadre della Fit. Un risultato che premia l’eccellente lavoro in fase di programmazione di un circolo destinato a recitare un ruolo sempre più importante nel panorama tennistico italiano. Oggi come ieri. Il pensiero corre a quel 1945 quando, dalle macerie del primo campo da tennis costruito dal Comune e distrutto dai bombardamenti, all'interno del Lido Comunale “Ammiraglio Genoese Zerbi”, nasceva il circolo del Tennis “Rocco Polimeni”, portando il nome di uno dei migliori tennisti reggini caduto eroicamente in guerra e decorato di medaglia d'oro. Fu subito un crescendo di successi e di riconoscimenti con l’organizzazione di diverse edizioni di tornei internazionali; così il tennis d’alto livello traghetta a Reggio Calabria ospitando gli azzurri Gardini, Pietrangeli e Merlo, gli australiani Emerson, Fraser,Roche, Newcombe, Stolle e Mulligan, accompagnati dal grande Hopman, "mirabile monstrum" ed ancora le tenniste Yola Ramirez, Lesley Turner, Margaret Smith e Lea Pericoli, le indimenticabili coppie Pietrangeli-Sirola, Nastase-Tiriac e Bertolucci-Zugarelli. CT Polimeni uominiEd ecco, l’album dei ricordi, arricchirsi di nuove ed entusiasmanti pagine. Domenica 28 luglio 2015 resta una data difficile da dimenticare, per questo doppio risultato che porta la firma del Polimeni e proietta il sodalizio reggino ai vertici nazionali. Gli uomini a Trento dovevano difendere il 4-2 di sette giorni fa. Un risultato buono, ma che non lasciava di certo dormire sonni tranquilli ai ragazzi del ds Emilio Cozzupoli. Il campo, però, ha confermato ancora una volta la superiorità dei tennisti reggini, capaci di chiudere i conti già al termine dei singolari. La finale play off femminile di serie C, nonostante il CT Firenze partisse con i favori del pronostico per via della classifica superiore delle proprie tenniste, si è rivelata poco più di una formalità. Le padrone di casa, guidate in panchina dal capitano Stefano Lo Schiavo, hanno disposto agevolmente delle toscane con punteggi netti, chiudendo la pratica promozione senza ricorrere al doppio. Va così in archivio una stagione agonisticaa squadre trionfale per il CT Polimeni. Il prossimo anno i ragazzi disputeranno la A2 e le ragazze la serie B. Adesso è il momento di godersi il meritato trionfo. Fra qualche giorno si inizierà a programmare la nuova stagione nella quale i il circolo reggino proverà a confermarsi ad altissimi livelli.