Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Giovedì, 03 Dicembre 2020

Tutti i racconti di Sharo Gambino

Arriva nelle libreria (dal 26 febbraio) "Il sesso dei gatti e altri racconti" (edito da Rubbettino per la collana Nave dei pini) dell’indimenticabile Sharo Gambino, lo scrittore delle Serre calabresi per antonomasia, a cui sfuggì, da giornalista, lo scoop sul Arriva nelle libreria (dal 26 febbraio) "Il sesso dei gatti e altri racconti" (edito da Rubbettino per la collana Nave dei pini) dell’indimenticabile Sharo Gambino, lo scrittore delle Serre calabresi per antonomasia, a cui sfuggì, da giornalista, lo scoop sul pilota che sganciò la bomba atomica a Hiroshima e ritiratosi nella Certosa di Serra San Bruno, ma  semplicemente perché era una bufala. Il sesso dei gatti e altri racconti“Il sesso dei gatti e altri racconti” è la prima opera che mette assieme i racconti di un autore che non finirà mai di stupire, per ingegno e versatilità. «La cronaca, la fantasia, il mito, la mafia, il brigantaggio, l'eremitaggio, la tradizione, il quotidiano, la storia»: Gambino è stato tutto questo, ma è stato anche un eccelso narratore dei luoghi che ha abitato e delle persone che l’hanno incontrato, conosciuto, apprezzato. La prefazione è a cura di una penna altrettanto prestigiosa, la scrittrice Annarosa Macrì : «Adesso che li leggo e li rileggo anch'io, questi racconti, che Sharo Gambino mi diede, ancora dattiloscritti, tanto tempo fa – quanto tempo è tanto tempo? – mi accorgo che sono rimasti racconti giovinetti, loro, con in testa tutti i capelli, e la pelle senza rughe, e i reumatismi che non sanno cosa siano. Magia delle parole». Il libro si sostanzia in 54 storie ( più un inedito "Il Crocifisso") che hanno in comune quella «solitudine affollata» che non ha mai abbandonato le giornate di Sharo (con la “h” che è tutta un’altra storia) definito dall’antropologo Vito Teti il “Cantore delle piccole cose, raccoglitore di voci sommerse” .