Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Mercoledì, 25 Novembre 2020

Il consigliere Guagliardi presenta il libro "Un pacco nel palazzo dei poteri"

“Un pacco nel palazzo dei poteri”, edito da Pellegrini, è il titolo del libro scritto dal consigliere regionale Damiano Guagliardi presentato lunedì 10 novembre, nella sala “Giuditta Levato” di Palazzo Campanella. Stampa
L’esponente politico che ha alle sue spalle tre legislature, ha voluto raccontare il Palazzo più importante della regione dall’angolatura di chi ha maturato una lunga esperienza da consigliere regionale.
Il romanzo è un thriller.  “Una storia di pura fantasia - commenta Guagliardi - completamente scevra da riferimenti storici ma che svela con ironia e disillusione i retroscena della politica, mettendo a nudo ritualità e comportamenti che si consumano dentro il Consiglio regionale e che, il più delle volte, sfuggono agli osservatori esterni, rimanendo confinati così all’interno del Palazzo. Un modo anche per far conoscere meglio ai calabresi come lavora un consigliere regionale, le sue prerogative, i suoi impegni.   La pubblicazione - commenta il consigliere regionale - è il racconto di una seduta di Bilancio - dai lavori preparatori della Commissione alla seduta consiliare - dove è in agguato ‘il pacco’ che, in gergo politico, sta per grande imbroglio. Una macchinazione di un gruppo di consiglieri regionali compiuta senza la consapevolezza dei più. Chissà se riuscirà ad essere sventata?!. - si domanda ironicamente Damiano Guagliardi che conclude: “Lo scopriranno i lettori”.
All’incontro sono intervenuti i giornalisti Romano Pitaro (Capo Ufficio Stampa del Consiglio regionale), Giuseppe Baldessarro (Il Quotidiano del Sud), Pietro Bellantoni (Il Corriere della Calabria) e Riccardo Tripepi (Il Garantista).