Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Martedì, 04 Agosto 2020

L'omaggio di Franz Listz ad Alfonso Rendano

Pochi storici conoscono un fatto significativo e simbolico che riguarda la vita di Alfonso Rendano, il grande musicista calabrese cui Cosenza ha dedicato  il suo teatro di tradizione.
E cioè che Franz Liszt (che , come è noto, compose l'Ode a San Francesco di Paola) andò a visitarlo in calesse nella sua casa di Carolei, il piccolo comune contermine al capoluogo dove Rendano nacque e visse per lungo tempo.

Il Maestro Alfonso Rendano


Liszt volle conoscere questo bambino prodigio, il 1862, quando si spinse sotto Napoli. Aveva iniziato a suonare a sei anni, Rendano e a 10 si diplomò al prestigioso Conservatorio di San Pietro a Majella a Napoli. L'abate Liszt (già convertito al cattolicesimo) aveva sentito parlare di quel bambino e ne apprezzò le straordinarie capacità.
C'è chi dice che fu proprio Liszt a intercedere presso Thalberg per mandarlo a Parigi, dove poi Rossini gli fece ottenere una borsa di studio. Il suocero del grande Wagner (la figlia Cosima ebbe tre figli dal grandissimo compositore nibelungo) rimase impressionato dalla precocità del bambino. Rendano, com'è noto, successivamente si recò nel capoluogo d'Oltralpe per studiare con un allievo di Chopin, George Mathias, prima di dedicarsi all'insegnamento e di comporre il suo capolavoro "Consuelo".
A lui si deve un'innovazione di non poco conto nella tecnica musicale,  e cioè il pedale indipendente, che oggi porta il suo nome, e che aumentava le capacità interpretative del pianoforte.
Mise in scena la sua ultima opera a Roma , nel teatro Valle, il 1925. Qui morì sei anni dopo. ll suo prezioso fondo è custodito presso la biblioteca civica di Cosenza .

Mario Campanella