Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Giovedì, 13 Agosto 2020

Lo sguardo di Mattia Preti sui 120 eventi calabresi al Salone del Libro

La presenza della Calabria al Salone Internazionale del Libro di Torino è di qualità e di quantità, con circa 120 eventi, 220 relatori ed uno spazio di 350 mq, collocato all’inizio del Padiglione 1 del Lingotto Fiera di Torino, sede La presenza della Calabria al Salone Internazionale del Libro di Torino è di qualità e di quantità, con circa 120 eventi, 220 relatori ed uno spazio di 350 mq, collocato all’inizio del Padiglione 1 del Lingotto Fiera di Torino, sede storica della kermesse. L’area sarà articolata in varie sezioni: dall’editoria regionale, allo spazio shop dove saranno racchiusi i migliori prodotti agroalimentari della regione passando per le due mostre presenti sulla tipografia storica calabrese in cui verranno esposti tra gli altri i cinque incunaboli ebraici, il codice Romano Carratelli e un grande dipinto di Mattia Preti, in occasione del quarto centenario della nascita dell’artista.

Mattia Preti


«Le aspettative sono tantissime» afferma Gilberto Floriani responsabile dell’organizzazione per la Regione Calabria spiegando come si è cercato di «rappresentare la cultura calabrese per quello che è realmente» allontanandoci dagli stereotipi e dai facili racconti che spesso rappresentano la nostra regione. L’obiettivo –sostiene - non è quello di nascondere i problemi reali che la caratterizzano, ma di riuscire a dare un’idea della complessità della vita culturale della regione del suo patrimonio culturale, delle sue tradizioni e di tutte le espressioni in particolare quelle editoriali e intellettuali». Dunque si cercherà di dare voce, anima e copro alla ricchezza e alla vivacità della nostra terra attraverso una serie di incontri.
Nel vasto cartellone di presentazioni ed eventi spiccano “Appunti sulla Calabria” di Giovanni Russo, con Paolo Mieli, la presentazione del nuovo libro su Mattia Preti di Vittorio Sgarbi edito da Rubbettino, “In viaggio con la zia” di Adele Cambria che interverrà insieme a Dacia Maraini, “La nostra guerra non è mai finita” e “’Ndrangheta e acqua santa” rispettivamente di Giovanni Tizian e Nicola Gratteri, presente anche alla presentazione dell’ultimo libro di Mimmo Gamgemi “Il patto delgiudice” edito da Garzanti insieme al presidente del Consiglio regionale Francesco Talarico.
Tra libri e conferenze ha spazio anche il patrimonio artistico e culturale della Calabria, in particolar modo l’archeologia e i tesori nascosti . «Si inizia – spiega Floriani -  dalla conferenza dal titolo “L'area archeologica di Sibari e il nuovo Museo archeologico statale di Reggio Calabria” che vedrà il contributo tra gli altri  di Salvatore Settis, l’ex ministro Fabrizio Barca e l’assessore  Mario Caligiuri, per arrivare alle più recenti scoperte archeologiche (con riferimento a Vibo Valentia e Caulonia) raccontate dai nostri archeologi e alla presentazione dell’esperienza “Calabria Jones” in cui la Regione ha coinvolto numerosi studenti calabresi presenti durante il Salone».
Le giornate, saranno di ampio respiro e partiranno dal panorama locale per arrivare al globale, come dimostra l’incontro “Il risveglio arabo. L’altra sponda del Mediterraneo: ?le donne arabe protagoniste del cambiamento” che vedrà coinvolta la Fondazione Carical.
Tra le novità importanti ci sarà anche la presentazione di un fondo archivistico, riguardante lo scrittore Corrado Alvaro, recuperato dal polo culturale di Vibo Valentia.
«Ci sembra di aver messo in campo tutta una serie di cose importanti –afferma Gilberto Floriani - e di aver rappresentato la Calabria. Abbiamo fatto il possibile, anche un bel catalogo, una pubblicazione di 120 pagine in cui saranno presentate le esposizioni organizzate per questa XXVI edizione del Salone Internazionale».

L’intero programma della manifestazione è visibile al seguente sito:

http://www.salonelibro.it/programma.html