Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Domenica, 29 Novembre 2020

D’Agostino: ”Positiva approvazione in Commissione della proposta di legge per Registro tumori”

“E’ davvero importante il passo fatto oggi in Terza Commissione “Attività Sociali, Sanitarie, Culturali e Formative” sul Registro Tumori di popolazione della regione Calabria. Lo sforzo per rendere chiaro e scientificamente attendibile il quadro delle malattie oncologiche sul territorio regionale “E’ davvero importante il passo fatto oggi in Terza Commissione “Attività Sociali, Sanitarie, Culturali e Formative” sul Registro Tumori di popolazione della regione Calabria. Lo sforzo per rendere chiaro e scientificamente attendibile il quadro delle malattie oncologiche sul territorio regionale è una priorità non più rinviabile”.

Il vicepresidente del Consiglio Francesco D'Agostino Il vicepresidente del Consiglio Francesco D'Agostino


Lo afferma in una dichiarazione il Vicepresidente del Consiglio regionale, Francesco D’Agostino.
Francesco D’Agostino, inoltre, sottolinea “il proprio apprezzamento per la sensibilità dimostrata dai consiglieri Giudiceandrea, Bova, Mirabello e Sergio per l’accelerazione impressa all’iter per l’approvazione della proposta di legge e, quindi, per la realizzazione concreta del Registro Tumori. Ora – prosegue ancora Francesco D’Agostino - è necessario al più presto dare concreta risposta a quanto i calabresi sollecitano da tempo. Esistono territori particolarmente colpiti dalle malattie oncologiche, dove, purtroppo, si registra una crescita ben oltre la media del fenomeno. Registrare statisticamente ed epidemiologicamente quanto avviene non è solo importante per la comprensione della reale incidenza di queste patologie sulla popolazione, ma potrà consentire di produrre quegli sforzi e operare quelle scelte in grado di diminuire gradualmente l’incidenza di queste malattie così insostenibili per la qualità e la durata della vita delle persone nella nostra regione”.