Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Mercoledì, 25 Novembre 2020

Nicolò plaude alla qualità dell’impianto normativo del Consiglio regionale

“I comuni calabresi in dissesto o in pre-dissesto  possono tirare un sospiro di sollievo. E con essi, i cittadini che evidentemente soffrono per l’alto livello dei tributi e delle tariffe”.
Lo afferma il Vicepresidente del Consiglio regionale, Alessandro Nicolò, intervenuto nel corso della conferenza stampa del presidente della Giunta regionale, Giuseppe Scopelliti e dell’assessore alle Attività produttive, Demetrio Arena, convocata per illustrare gli importanti contenuti della legge regionale n. 20/2013.
“E’ mia intenzione – ha proseguito Nicolò -  sottolineare prioritariamente la qualità dell’impianto  normativo varato dal Consiglio regionale che testimonia l’efficacia del lavoro legislativo dell’Assemblea, a fronte di qualche critica per le impugnative del Governo. Stavolta, è il caso di evidenziarlo, è stata varata una legislazione che non solo ha superato la griglia di costituzionalità, ma apre nei fatti una straordinaria occasione per gli enti locali calabresi di approntare in maniera più ‘umana’ i piani di rientro dal debito, evitando di strangolare con tariffe e tributi onerosi i contribuenti, e, quindi, liberando quote di reddito delle famiglie che possono servire ad alimentare il circuito economico e i consumi privati. Adesso, alla resa dei conti, in piedi rimangono solo i fatti: da oggi, molti comuni indebitati potranno dismettere i loro patrimoni immobiliari per mitigare i debiti ed allentare la morsa del fisco sulle  famiglie”.