Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Venerdì, 18 Settembre 2020

Il presidente Irto ha ricevuto a palazzo Campanella il direttore dell'Agenzia nazionale dei beni confiscati

Il presidente del Consiglio regionale della Calabria, Nicola Irto, ha ricevuto questa mattina a palazzo Tommaso Campanella il direttore dell'Agenzia nazionale dei beni confiscati, Ennio Mario Sodano.

sdr sdr


La visita di cortesia istituzionale ha fatto seguito all'insediamento di quest'ultimo al vertice dell'autorità pubblica chiamata a gestire l'ingente patrimonio sottratto alla criminalità organizzatain tutta Italia. Nel corso del cordiale colloquio, il prefetto Sodano ha fornito alcuni dati che hanno messo in evidenza l'elevato valore economico dei beni illecitamente accumulati dai clan, ma anche le ricadute sociali dell'attività dell'Agenzia. Il presidente Irto, da parte sua, ha ringraziato il prefetto Sodano, rivolgendogli gli auguri di buon lavoro alla guida del delicato organismo: “L'Agenzia può rivestire un ruolo fondamentale nelle dinamiche socio-economiche di un territorio come quello calabrese. Auspico – ha concluso il rappresentante di Palazzo Campanella – una sempre più proficua sinergia istituzionale tra l'Agenzia e il Consiglio regionale, che nell'ambito delle proprie competenze può esercitare un ruolo di raccordo con le amministrazioni centrali e gli enti locali, contribuendo a rendere più efficienti ed efficaci i processi di gestione dei beni confiscati”.