Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Lunedì, 26 Ottobre 2020

Contratti di fiume, Irto: "Fiero di questo risultato, legge calabrese prima al Sud"

"L'avvio della sottoscrizione del primo contratto di fiume in Calabria, quello relativo alla Valle del Neto, porta a compimento il percorso avviato proprio un anno fa, nel novembre del 2015, dal Consiglio regionale".

Il presidente del Consiglio regionale Nicola Irto Il presidente del Consiglio regionale Nicola Irto


Lo dichiara il presidente dell'assise di palazzo Campanella, Nicola Irto, che prosegue: "L'Assemblea, approvando la Legge sui Contratti di fiume che avevo proposto all'epoca della mia presidenza della commissione Ambiente, ha dato il via libera a un provvedimento legislativo all'avanguardia, che ha istituzionalizzato un nuovo modello di governance della aree fluviali. Nel campo delle politiche di tutela del territorio - aggiunge Irto - quello della Calabria è stato il primo Consiglio regionale del Mezzogiorno a varare questo strumento e ne andiamo fieri. Bisogna dare atto alla giunta regionale di aver lavorato con celerità per emanare i provvedimenti attuativi che hanno portato a questo risultato. Ma non bisogna fermarsi, occorre accelerare ulteriormente perché si centri l'obiettivo, in tempi brevi, in tutti gli altri comprensori calabresi interessati ai contratti di fiume".
Il presidente del Consiglio regionale della Calabria conclude: "Con tali strumenti negoziali sarà possibile contribuire allo sviluppo sostenibile e armonioso di queste aree, favorendo i processi di messa in sicurezza del territorio e, altempo stesso, promuovendo una crescita del tessuto socio-produttivo che renda protagoniste le comunità locali".