Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Giovedì, 03 Dicembre 2020

Antonio Marziale nuovo Garante per l'infanzia della Regione Calabria

Il nuovo Garante per l’infanzia e l’adolescenza della Regione Calabria è il sociologo Antonio Marziale. A nominarlo, con proprio decreto, è stato il presidente del Consiglio regionale Nicola Irto. Marziale, 50 anni, laureato con il massimo dei voti in Sociologia Il nuovo Garante per l’infanzia e l’adolescenza della Regione Calabria è il sociologo Antonio Marziale. A nominarlo, con proprio decreto, è stato il presidente del Consiglio regionale Nicola Irto. Marziale, 50 anni, laureato con il massimo dei voti in Sociologia magistrale e con lode in Scienze della comunicazione, è fondatore e presidente dell’Osservatorio sui diritti dei minori.

Foto Marziale Il sociologo Antonio Marziale


Tra i numerosi incarichi ricoperti, il nuovo Garante è stato componente dei tavoli ministeriali che hanno portato all’approvazione dei Codici “TV e minori” e “Internet e minori”. Consulente della presidenza della Commissione parlamentare per l’infanzia e l’adolescenza, Marziale è considerato oggi uno dei massimi esperti in Italia in materia di tutela dei minori e di lotta alla pedofilia.
“Non avremmo potuto scegliere una figura più autorevole e competente in questo campo – ha affermato Nicola Irto -. Marziale è un riferimento assoluto in Italia e gode di stima e prestigio internazionali: un calabrese che ha dato lustro alla nostra regione per la sua riconosciuta capacità e per la passione che anima il suo impegno ormai da molti anni. Nel rivolgere al Garante gli auguri di buon lavoro – ha concluso il presidente del Consiglio regionale – sono certo che questo Ufficio saprà svolgere la propria funzione nel rispetto delle proprie prerogative istituzionali, ma senza inutili ingessature e con un approccio pragmatico ai problemi dei minori e degli adolescenti”.