Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Sabato, 19 Settembre 2020

Il presidente Irto: "Un Consiglio normale". Riqualificazione della spesa e un rigoroso piano anticorruzione

Un documento che prevede, tra l’altro, l’innovativo strumento dell’accesso civico che amplia la possibilità concessa ai cittadini di conoscere gli atti emanati dall’ente, con modalità più semplici e dirette rispetto all’accesso formale istituito con la legge 241/90.

Il predsidente del Consiglio regionale Nicola Irto Il predsidente del Consiglio regionale Nicola Irto


Via libera inoltre al Piano triennale di riqualificazione della spesa (alla cui redazione e attuazione è stato delegato il Segretario generale) che comporterà ingenti risparmi per l’ente e, dunque, per la collettività. I costi per il personale sono stati ridotti del 12% attraverso una serie di misure, quali il blocco dei comandi in entrata e della stipula di contratti di collaborazione, nonché l’esodo dei dipendenti con maggiori anni di servizio.
La riqualificazione della spesa prevede, tra le numerose misure adottate, il risparmio di 250mila euro l’anno sulla gestione della società in house “Portanova”; il contenimento delle spese di manutenzione ordinaria per oltre 375mila euro l’anno e di 133mila euro per fitti e locazioni. Le bollette telefoniche saranno alleggerite di oltre 190mila euro l’anno, tra utenze fisse e cellulari, mentre quelle elettriche peseranno di meno per oltre 210mila euro. Decurtazioni significative anche ai costi di quotidiani, riviste, libri, agenzie (oltre 250mila euro in meno per esercizio finanziario) così come alle spese postali, in misura significativa rimpiazzate dalle email (- 80mila euro). I costi per le pulizie, nel triennio, saranno ridotti mediamente di oltre 300mila euro l’anno così come i servizi di vigilanza (-240mila mila euro per bilancio).
Infine, è stato deciso dall’Ufficio di presidenza, tutti i dipendenti pubblici provenienti dai ruoli di Consiglio e Giunta regionale o da altra pubblica amministrazione, nominati nelle strutture speciali (ad esempio, tutti gli staff dei politici), saranno obbligati a certificare la presenza usando il badge.