Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Lunedì, 26 Ottobre 2020

Incendio alle autolinee Federico. Irto: "Profonda preoccupazione"

“Esprimo profonda preoccupazione e rinnovo l’allarme lanciato dinanzi al presidente della Repubblica sulla situazione dell’ordine pubblico nella Locride. L’incendio alle autolinee Federico è uno degli atti più eclatanti compiuti negli ultimi mesi in questo comprensorio della provincia di Reggio, dove “Esprimo profonda preoccupazione e rinnovo l’allarme lanciato dinanzi al presidente della Repubblica sulla situazione dell’ordine pubblico nella Locride. L’incendio alle autolinee Federico è uno degli atti più eclatanti compiuti negli ultimi mesi in questo comprensorio della provincia di Reggio, dove la criminalità organizzata è tornata a far sentire pesantemente la sua presenza”.

Il presidente del Consiglio regionale Nicoal Irto Il presidente del Consiglio regionale Nicoal Irto


Lo afferma il presidente del Consiglio regionale della Calabria, Nicola Irto, dopo la distruzione di ben 14 automezzi dell’impresa di trasporto con sede a Locri.
“Questa escalation è inquietante e ormai insostenibile. Dietro ogni episodio riteniamo si celi una ben precisa logica – prosegue Irto - ma la sensazione complessiva percepita dai cittadini è quella di una profonda insicurezza e di uno stato di costante emergenza. L’elevato numero di incendi dolosi, avvenuti contro patrimoni pubblici e beni privati sulla fascia ionica reggina, sta generando allarme sociale e impone un rafforzamento della presenza dello Stato: lo abbiamo chiesto e ribadito al presidente Mattarella”.
“E’ fondamentale che i cittadini, le vittime di questi episodi e non solo, collaborino con le forze dell’ordine e con la magistratura, come già richiesto dal procuratore capo di Reggio, Federico Cafiero de Raho. Il contributo attivo della nostra comunità nella lotta alla criminalità – conclude il presidente del Consiglio regionale - è precondizione per il celere e pieno successo nelle indagini, che noi vivamente auspichiamo”.