Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Venerdì, 04 Dicembre 2020

Il Pd sui rifiuti: "Si tenga conto delle nostre proposte"

“E’ urgente, in primo luogo, in considerazione del totale fallimento della gestione commissariale, che la Regione Calabria si riappropri di tutte le competenze in materia di smaltimento dei rifiuti. Occorre, inoltre, predisporre un nuovo Piano Regionale dei rifiuti per il “E’ urgente, in primo luogo, in considerazione del totale fallimento della gestione commissariale, che la Regione Calabria si riappropri di tutte le competenze in materia di smaltimento dei rifiuti. Occorre, inoltre, predisporre un nuovo Piano Regionale dei rifiuti per il completamento del sistema integrato, che preveda un’adeguata programmazione basata su raccolta differenziata e nuove tecnologie”.
E’ quanto si afferma in una nota del Gruppo del Partito Democratico, in seno al Consiglio Regionale della Calabria.
“Il problema della gestione dei rifiuti – prosegue la nota dei democratici a Palazzo Campanella - per essere affrontato, quindi, in maniera seria e rigorosa, richiede, innanzitutto, la realizzazione di un impianto di smaltimento e di almeno  due impianti di selezione  nell’area nord della nostra regione, ossia in provincia di Cosenza e di potenziare le carenti politiche di sostegno alla raccolta differenziata. Anessuno può sfuggire che il territorio cosentino è il più esposto alle emergenze, per come può evincersi dalle tante proteste che si levano dal territorio di Cassano allo Jonio e dei comuni viciniori.
Queste idee e proposte abbiamo avanzato sin dall’inizio della legislatura; per la loro attuazione abbiamo  anche caldeggiato, ritenendolo particolarmente importante, l’utilizzo dei fondi POR 2007/2013, prevedendo, qualora si rendesse necessaria, la rimodulazione dello stesso. In attesa della realizzazione delle infrastrutture indicate, per risolvere l’attuale situazione di emergenza, si rende necessario lo stoccaggio dei rifiuti ed il loro smaltimento presso privati e/o fuori regione ed un forte rilancio della raccolta differenziata”.
“Il Presidente della Giunta Regionale – conclude la nota del Gruppo consiliare regionale del PD - prenda atto del fallimento fatto registrare nella gestione del settore ed agisca di conseguenza, prendendo in considerazione le proposte da noi avanzate nell’ultima seduta del Consiglio Regionale ( venerdì 11/01/2013) con un apposito o.d.g. Tra le proposte non va trascurata quella relativa all’affidamento della riscossione della Tarsu ai soggetti incaricati della raccolta e del conferimento dei rifiuti solidi urbani, onde evitare, in futuro, conflitti tra i Comuni ed i gestori. Peraltro, questa proposta può valere anche per il settore della depurazione, che sta facendo registrare l’endemica morosità dei Comuni nell’onorare i contratti di gestione”