Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Sabato, 28 Novembre 2020

Il David di Donatello ad Anime Nere. Romeo si congratula con Gioacchino Criaco

“Il David di Donatello ‘miglior film’ ad Anime Nere, con tutti gli altri premi avuti che ne decretano l’indiscutibile valenza cinematografica, è un successo per la regia e per tutti coloro che l’hanno realizzato, ma è un magnifico riconoscimento per “Il David di Donatello ‘miglior film’ ad Anime Nere, con tutti gli altri premi avuti che ne decretano l’indiscutibile valenza cinematografica, è un successo per la regia e per tutti coloro che l’hanno realizzato, ma è un magnifico riconoscimento per lo scrittore di Africo Gioacchino Criaco dal cui libro il film trae ispirazione”.

Il capogruppo del Pd Sebi Romeo Il capogruppo del Pd Sebi Romeo


Lo sostiene il capogruppo del Pd in Consiglio regionale Sebi Romeo, che, congratulandosi con Criaco, intende invitarlo, appena possibile, per un incontro in Consiglio regionale. “Vince - aggiunge Romeo - Anime nere, ma vince anche la Calabria grazie al formidabile romanzo di Criaco che ridà spessore e proiezione alla Calabria letteraria sulla scia degli insegnamenti che vanno da Corrado Alvaro a Saverio Strati”. Conclude Romeo: “Ho trovato bellissime, e le ho particolarmente apprezzate, le parole con cui Francesco Munzi ha ringraziato i paesi della Locride che hanno contribuito alla riuscita di un prodotto culturale che ha ottenuto un prestigioso riconoscimento che è, per il cinema italiano, l’equivalente del premio Oscar. Credo che sulla cultura la Calabria debba puntare fortemente avvalendosi di personalità originali e talentuose come Criaco, Gangemi, Abate e tantissimi altri che possono aiutarci a rompere una narrazione dell’Aspromonte a senso unico ed a vincere pregiudizi antimeridionali che non hanno ragion d’essere”.