Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Sabato, 28 Novembre 2020

Lpu-Lsu: ordine del giorno presentato in Consiglio dal gruppo Pd e dal consigliere Gallo(Udc).

Con un ordine del giorno sottoscritto dai consiglieri Guccione, De Gaetano, Naccari Carlizzi, Principe, Adamo, Sulla, Franchino e Scalzo, del Pd, e dal consigliere Gallo, dell’Udc, è stato chiesto al presidente della Giunta regionale, Giuseppe Scopelliti, di “promuovere ogni utile Con un ordine del giorno sottoscritto dai consiglieri Guccione, De Gaetano, Naccari Carlizzi, Principe, Adamo, Sulla, Franchino e Scalzo, del Pd, e dal consigliere Gallo, dell’Udc, è stato chiesto al presidente della Giunta regionale, Giuseppe Scopelliti, di “promuovere ogni utile e necessaria iniziativa affinchè il Presidente del Consiglio dei Ministri, on. Enrico Letta, faccia proprio l’emendamento alla Legge di Stabilità presentato da alcuni parlamentari del centrosinistra nei giorni scorsi in Senato finalizzato alla stabilizzazione definitiva dei 5149 lavoratori calabresi precari che, da oltre 15 anni, sono inseriti nell'organizzazione delle attività degli Enti pubblici con ruoli e mansioni anche ad alto contenuto professionale e continuano a garantire servizi essenziali ai cittadini”.
Con l’emendamento si chiede al Governo, con provvedimento del Ministro dell’Economia e delle Finanze, di concedere alla Regione Calabria un contributo aggiuntivo pari a 40 milioni di euro per l’anno 2014 e pari a 30 milioni di euro a decorrere dall’anno 2015, “provvedendo a tali oneri mediante quota parte delle risorse aggiuntive derivanti dalle disposizioni di cui al comma 7-bis dell’articolo 17”. Tali risorse finanziarie andrebbero agli enti pubblici calabresi per l’assunzione dal 1 gennaio 2014, anche in posizioni soprannumerarie, con un contratto di lavoro  a tempo indeterminato ed a tempo parziale di 26 ore settimanali, di quei lavoratori impegnati in attività socialmente utili o di pubblica utilità purché inclusi nell’elenco definitivo pubblicato nel Bollettino unico della Regione Calabria n. 1 e n. 12 del luglio 2005”.