Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Venerdì, 04 Dicembre 2020

Censore, De Gaetano e Guccione (Pd):"Vigileremo sulla stabilizzazione di Lsu-Lpu"

“Con il senso di responsabilità che contraddistingue la nostra azione, voteremo la norma transitoria che verrà portata oggi all’esame dell’Aula, fermo restando le perplessità legate alla mancanza nel Bilancio di previsione di quasi 20 milioni di euro che consentirebbero agli “Con il senso di responsabilità che contraddistingue la nostra azione, voteremo la norma transitoria che verrà portata oggi all’esame dell’Aula, fermo restando le perplessità legate alla mancanza nel Bilancio di previsione di quasi 20 milioni di euro che consentirebbero agli Lpu-Lsu di arrivare con tranquillità a fine anno”.

I consiglieri del Pd: Nino De Gaetano, Bruno Censore e Carlo Guccione


E’ quanto asseriscono i consiglieri regionali Bruno Censore, Nino De Gaetano e Carlo Guccione, che aggiungono: “Le iniziative che da tempo portiamo avanti a sostegno dei lavoratori Lpu-Lsu  e della legittimità delle loro spettanze e per superare le difficoltà venutasi a creare a seguito della recente sentenza della Corte Costituzionale che ha fatto venire meno la possibilità di stabilizzazione dei lavoratori, hanno indotto la maggioranza di centrodestra a presentare una norma transitoria che, in attesa di una legge definitiva che metta la parola fine al precariato e apra la strada alla stabilizzazione, intanto garantisce i pagamenti arretrati, sussidi ed integrazioni. Si tratta di un passaggio necessario, ma che non esaurisce la nostra azione di stimolo e di impegno. A tal fine- concludono i consiglieri regionali del Pd- annunciamo sin d’ora le iniziative più opportune da promuovere sui singoli territori provinciali al fine di mantenere alta l’attenzione sulla vicenda e arrivare ad una positiva soluzione”.