Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Venerdì, 29 Maggio 2020

Sulla S.S. 106: svantaggiati i lavoratori di Rocca Imperiale

“Un territorio, quello di Rocca Imperiale, che alza una voce comune sul tema ‘lavoro’ che viene negato ai tanti lavoratori disoccupati di questa comunità.



E’ da tempo ormai che sono iniziati i lavori di ammodernamento della S.S.106 ‘Rocca Imperiale – Nova Siri’ e a tutt’oggi non si sono registrate assunzioni di lavoratori disoccupati di Rocca Imperiale”.

E’ quanto dichiara il capogruppo di “Insieme per la Calabria”, Giulio Serra che aggiunge: “E’ inammissibile come un’opera infrastrutturale di tale importanza non abbia un’incidenza occupazionale, vistaanche la disponibilità data in termini progettuali che ha sacrificato gran parte del territorio, togliendo spazio prezioso ad un’agricoltura di qualità di cui Rocca ne è esempio internazionale”.
“Le giuste proteste dei lavoratori hanno come dato di fatto la denuncia di una mancata assunzione da parte delle ditte appaltatrici- aggiunge Serra-. C’è da chiedersi sul perché venga favorito solo il vicino Comune di Nova Siri in Basilicata e perché non vi sia un riscontro anche per la comunità di Rocca Imperiale.

 

La mobilitazione dell’Amministrazione Comunale su tale problema va sostenuta anche a livello regionale mediante una efficace politica di sensibilizzazione per risollevare le sorti dei lavoratori e delle loro famiglie che vivono questo momento di grande incertezza”.
Rilancia Serra: “Soprattutto in un periodo così drammatico è doveroso nei confronti di tutti, ma soprattutto di questi onesti lavoratori, battersi per dare un forte e concreto appoggio all’affermazione del diritto al lavoro costituzionalmente garantito”.