Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Martedì, 27 Ottobre 2020

Nicolò su Calabria Etica:" Regione valuti caso per caso opportunità di fare ricorso a giurisdizione"

“La decisione del Giudice del Lavoro del Tribunale di Catanzaro sui diritti dei lavoratori di ‘Calabria Etica’, rappresentati dallo studio Chizzoniti,  deve far riflettere su talune prese di posizione assunte dalla Giunta regionale che si dimostrano inefficaci e, purtroppo, non “La decisione del Giudice del Lavoro del Tribunale di Catanzaro sui diritti dei lavoratori di ‘Calabria Etica’, rappresentati dallo studio Chizzoniti,  deve far riflettere su talune prese di posizione assunte dalla Giunta regionale che si dimostrano inefficaci e, purtroppo, non adeguatamente ponderate”.
Lo afferma in una nota il capogruppo di Forza Italia a Palazzo Campanella, Alessandro Nicolò.
alessandro-Nicolò1“L’azione giudiziaria promossa contro la Regione di quei dipendenti molto frettolosamente ‘messi in libertà’ – sottolineaNicolò -  denota un atteggiamento zelante e forse anche superficiale che porterà soltanto ulteriori gravami economici alle casse dell’ente. Dinanzi a questi esempi, e non sono i primi – dice ancora Alessandro Nicolò – ci dobbiamo chiedere se il modo di tutelarsi della Regione, spesso, non conduca ad approdi negativi imprimendo, di conseguenza,  una lievitazione negativa dei costi amministrativi e di rappresentanza giurisdizionale. Mi auguro che talune forme di ‘furia iconoclasta’ perseguite da questa Giunta regionale, in futuro siano maggiormente  ponderate,almeno sul piano dei costi/benefici, evitando così all’amministrazione di reiterare errori che non solo amareggiano le persone interessate, ma che gettano forti dubbi sulla reale capacità delle strutture dell’ente di valutare propedeuticamente le ricadute di ogni  iniziativa in sede giudiziaria”.