Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Lunedì, 26 Ottobre 2020

Nicolò (FI): “Mettere in sicurezza la statale 18”

Un’interrogazione per conoscere “quali azioni ed interventi il Presidente della Giunta regionale intenda assumere affinché l’Anas inserisca tra le priorità, la messa in sicurezza della Statale 18 Tirrenica, prevedendo progetti strutturali e opere definitive rispondenti alle vigenti normative sulla sicurezza Un’interrogazione per conoscere “quali azioni ed interventi il Presidente della Giunta regionale intenda assumere affinché l’Anas inserisca tra le priorità, la messa in sicurezza della Statale 18 Tirrenica, prevedendo progetti strutturali e opere definitive rispondenti alle vigenti normative sulla sicurezza stradale”.alessandro-Nicolò1
L’ha formalizzata il presidente del gruppo di Forza Italia alla Regione Alessandro Nicolò “alla luce degli eventi calamitosi che si sono verificati nel corso del 2016 e negli anni precedenti”. “L’importante arteria di collegamento – ricorda il Capogruppo di Fi – è stata interessata da frane e smottamenti che hanno comportato la chiusura temporanea di un lungo tratto il 14 marzo, il 9 ed il 24 agosto e il 6 settembre da Bagnara Calabra a Scilla”.
“Interruzioni e interdizioni al traffico – sottolinea Alessandro Nicolò - che hanno provocato disagi per l'intero territorio sia rispetto alle esigenze di mobilità che, soprattutto, relativamente al rischio concreto per la salute e la vita stessa delle persone”.
“I lavori eseguiti dall’Anas successivamente agli episodi franosi soprarichiamati – precisa l’esponente politico  -  sono serviti solo a liberare la strada da fango e detriti. Nessuna opera di messa in sicurezza permanente, invece, è stata realizzata”.
“In considerazione della valenza strategica di questa via di comunicazione e alla luce del già precario tessuto connettivo della nostra regione, carente di adeguati sistemi di collegamento, si rende dunque necessario e non più rinviabile, ripristinare le condizioni di agibilità e sicurezza della Statale 18 che, ad oggi, continua a presentare palesi aspetti di pericolosità e rischi concreti per i cittadini”.